Tag: raspberry

Retropie – Parte 2: configurare l’SSH

Uno dei motivi che mi hanno fatto propendere per l’utilizzo di Retropie al posto di Recalbox è che con Retropie è possibile attivare e configurare il protocollo SSH; in questo modo è possibile collegarsi al sistema anche da remoto con un altro pc sulla stessa rete ed operare quindi direttamente sul sistema senza dover sempre togliere e mettere la scheda microsd.

Per abilitare l’SSH è necessario andare nel menù di configurazione
“Raspi-Config” ed entrare nella voce “Interfacing options” dove c’è proprio una voce dedicata al protocollo SSH (che ovviamente è da abilitare). Per conoscere l’indirizzo IP a cui collegarsi è sufficiente entrare nel menù di configurazione e selezionare “Show IP”… semplicissimo. Ovviamente il Raspberry e il pc devono essere collegati alla stessa rete.

Una volta attivato il protocollo SSH è possibile eseguire, ad esempio, PuTTYSSH Client e inserire l’indirizzo IP del nostro Rasbperry con installato Retropie… una volta aperta la sessione SSH inserire username (pi) e password (raspberry) ed eccoci alla console…

Ovviamente appena si inizia a lavorare direttamente con il protocollo SSH diventa chiaro che dover digitare sempre la password dell’utente root non è affatto pratico. Per questo motivo è necessario configurare il sistema in modo che l’utente root venga abilitato ad operare con tale protocollo. In questo modo è possibile impartire i comandi (o operare dalla sessione grafica) direttamente con i permessi di root senza dover eseguire il comando sudo. Ma vediamo come fare modificando opportunamente il file /etc/ssh/sshd_config.

sudo nano /etc/ssh/sshd_config

modificare la riga

 PemitRootLogin without-password

in modo che diventi

 PermitRootLogin yes

Salvare il file premendo Ctrl X e confermare la sovrascrittura del file. A questo punto è possibile impostare la password per l’utente root con il comando:

sudo passwd root

inserire la nuova password e confermarla nuovamente.

Per rendere effettiva la modifica è necessario riavviare il sistema o tramite l’interfaccia grafica oppure con il comando:

sudo shutdown -r now

Le modalità di collegamento, una volta abilitato il protocollo SSH, sono molteplici:

  • è possibile utilizzare PuTTY SSH Client
  • è possibile selezionare File -> Connetti al server dal window manager di Cinnamon
  • è possibile creare una sessione SSH con Remmina
Un esempio di sessione SSH configurata con Remmina

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/retropie-parte-2-configurare-lssh/

Retropie – Parte 1: l’installazione

Decido di fare una installazione di Retropie sul mio Raspberry partendo da 0 e cercando di modificare e personalizzare l’installazione dei vari emulatori e dei giochi.

Questa volta ho scaricato l’immagine retropie-4.5-rpi2_rpi3.img.gz dal sito ufficiale e l’ho decompressa. Questa volta per copiare l’immagine su scheda micro SD ho deciso di utilizzare il programma già presente nella distro Linux Mint anziché utilizzare il comando dd.

Dopo aver copiato l’immagine sulla scheda SD è necessario inserirla nel Raspberry e avviarlo per completare l’installazione. Al termine dell’installazione e al primo riavvio, EmulationStation rileva l’eventuale gamepad o joystick collegato al Raspberry e presenta subito la procedura guidata per la configurazione in modo da poter utilizzare subito il nuovo sistema.

Consiglio: quando si configura il joypad è opportuno configurare il tasto Hotkey con il tasto Select; in questo modo premendo contemporaneamente il tasto Select e il tasto Start si esce da ogni gioco.

Se si hanno problemi con l’audio collegando il Raspberry al televisore utilizzando un cavo HDMI (e quindi sfruttando la funzionalità di “pass-through”) è necessario togliere il commento dalle seguenti righe presenti nel file /boot/config.txt eseguendo la combinazione di comandi:

sudo nano /boot/config.txt

e togliere il commento dalle righe (ovvero togliere il carattere iniziale #)

hdmi_drive=2
hdmi_force_hotplug=1
hdmi_force_edit_audio=1

riavviare il sistema.

Consiglio: se dopo l’installazione del sistema Retropie funziona correttamente, NON FARE (e ripeto NON FARE) nessun aggiornamento del sistema. Può solo rendere il sistema più instabile.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/retropie-parte-1-linstallazione/

Arcade stick (a.k.a. joystick) DIY con scatola di Barolo

Su Amazon ho comprato un kit con il joystick, i pulsanti e la basetta USB da collegare al pc (o al raspberry) e l’involucro di plastica per il joystick già preforato. Visto che è arrivato prima il kit rispetto all’involucro di plastica, ho deciso di provare comunque ad assemblare l'”arcade stick” utilizzando una scatola di legno di Barolo da tempo giacente in cantina (ovviamente le bottiglie erano già state bevute).

Il kit “arcade stick” comprende 8 pulsanti di circa 3 cm (4 colorati e 4 neri), 2 pulsanti neri più piccoli, il joystick (con 3 adattatori per “guidare” il movimento su 4, 8 direzioni o libero) la basetta con tutti gli attacchi, il cavo di collegamento usb e tutti i altri cavetti per collegare i tasti e il joystick alla basetta.

E’ bastato utilizzare un trapano avvitatore con le punte a tazza di due diverse dimensioni per praticare i fori necessari al montaggio dei pulsanti e del joystick. I pulsanti sono entrati abbastanza facilmente e la scatola di legno essendo abbastanza sottile ha permesso ai pulsanti di incastrarsi nell’apposito fermo senza nessun problema. Solamente per fissare il joystick è stato necessario praticare quattro piccoli fori con il trapano per permettere l’inserimento delle viti e dei dadi per fissare la struttura del joystick alla scatola di legno.

Per il fissaggio ho usato 4 viti, 8 rondelle (una sopra e una sotto la scatola di legno) e 8 bulloncini (perché su consiglio del Maffo ho utilizzato il primo bullone per fissare il joystick al legno ma senza stringere troppo, poi un secondo bulloncino in modo da fissare e bloccare il primo). In questo modo, pur senza fare troppa pressione sulla struttura di legno, il joystick dovrebbe essere sufficientemente saldo da resistere anche alle sessioni di gioco più intense.

Il risultato è quello che si vede in foto. I pulsanti non sono perfettamente allineati (su internet è possibile trovare delle maschere da utilizzare come riferimento per praticare i fori per i pulsanti e per il joystick). I pulsanti però sono stati disposti per soddisfare egregiamente l’ergonomia della mia mano e delle mie dita.

Una volta inseriti i pulsanti e dopo aver fissato il joystick, li ho collegati alla basetta tramite i cavi di sollegamento presenti nel kit. Ho installato i 4 pulsanti colorati alle porte K1, K2, K3 e K4, i due pulsanti neri grandi li ho collegati alle porte K11 e K12, mentre i due pulsanti più piccoli (uno per inserire i gettoni e uno per il player one) li ho collegati alle porte ST e SE. Comunque, a prescindere dalle porte utilizzate, una volta avviato EmulationStation è possibile configurare i tasti a proprio piacimento.

La qualità dei tasti non è eccelsa… dato il prezzo non mi aspettavo nulla di particolare. I tasti sono bombati (l’ideale sarebbero i pulsanti concavi come quelli delle vere sale giochi degli anni ’80 e ’90) e il tutto risulta molto rumoroso a causa dei microswitch. I pulsanti però hanno un ingombro veramente molto ridotto come si può notare anche dalle foto e il joystick sembra ben strutturato (confermato anche dal peso notevole).

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/arcade-stick-a-k-a-joystick-diy-con-scatola-di-barolo/

Installare Retropie su SD per Raspberry

Formattare la scheda SD con il filesystem Fat32 con il programma GParted.
Ho scaricato la versione 4.3 di Retropie per Raspberry pi 3 dal sito ufficiale.
Decomprimere il file in modo da ottenere l’immagine del programma; si crea un file in formato .IMG da circa 2,2 GB. In alternativa è possibile usare il comando:

gzip -dv retropie-4.3-rpi2_rpi3.img.gz 

Con il comando il file di origine .GZ viene cancellato a meno che non venga utilizzato l’apposita opzione per conservare il file compresso.
Per comodità ho posizionato il file .img sulla Scrivania e l’ho rinominato semplicemente in retropie.img. Poi è necessario aprire la console e digitare il seguente comando:

sudo dd if=retropie.img of=/deb/sdb

per copiare l’immagine nella scheda SD che, in questo caso, è collegata al pc tramite un lettore di schede USB,dove if indica il file di input e of il file di output. Armarsi di pazienza e attendere il termine dell’operazione.

Al termine dell’operazione è possibile scollegare il lettore di schede SD e installare la scheda nell’apposito slot del Raspberry per far partire l’installazione.

Una delle funzionalità in assoluto più comode di Retropie, è la possibilità di potersi collegare direttamente tramite protocollo SSH, e questo significa che è possibile caricare i file e le ROM in Retropie senza dover sempre spostare la scheda SD ma collegandosi direttamente tramite rete. Retropie in generale è molto più configurabile rispetto a Recalbox.

Una volta partito Retropie è necessario andare nel menù di configurazione per collegarlo alla rete WiFi e successivamente per attivare il protocollo SSH.

Andare su Linux e selezionare File – Connetti al server… e inserire i seguenti parametri di login per poter collegarsi direttamente a Retropie da Linux e poter accedere al file system per copiare, ad esempio, le varie ROM con i giochi. Nel mio caso l’indirizzo IP di Retropie era 192.168.1.102, sulla porta 22 con nome utente pi e password di default (che però adesso non ricordo).

Facendo ripartire Retropie è possibile iniziare a giocare…

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/installare-retropie-su-sd-per-raspberry/

Installare Recalbox su SD per Raspberry

Formattare la scheda SD con il filesystem Fat32 con il programma GParted. Ho scaricato la versione 17.12.02 di Recalbox dal sito ufficiale.
Aprire il terminale ed eseguire il comando
unxz recalbox.img.xz
per creare il file in formato .img da poco più di 2 GB.
Eseguire il comando
sudo dd if=recalbox.img of=/dev/sdb
per copiare l’immagine nella scheda SD che, in questo caso, è collegata al pc tramite un lettore di schede USB.
Al termine dell’operazione è possibile scollegare il lettore di schede SD e installare la schede nell’apposito slot del Raspberry per far partire l’installazione.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/%ef%bb%bfinstallare-recalbox-su-sd-per-raspberry/

Installare NOOBS (e Raspbian) su SD con Linux

NOOBS (New Out Of the Box Software) è un software sviluppato per facilitare l’installazione dei vari sistemi operativi/applicazioni su sistemi Raspberry senza doversi preoccupare di gestire manualmente le immagini sulle schede SD.

Alla data dell’articolo è possibile scaricare 2 versioni di NOOBS; una contiene già il sistema operativo Raspbian (una derivazione di Debian per Raspberry) e una invece contiene solo NOOBS e permette di scegliere i moduli da installare in un secondo momento.

Preparare una SD possibilmente capiente e di classe 10 e utilizzare un programma per prepararla all’installazione (su Linux Mint utilizzo GParted).  Ricordo che, in base alle specifiche SD, una scheda SD più grande di 32 GB è una scheda SDXC che deve essere formattata con il filesystem exFat.

Attualmente i seguenti sistemi operativi sono inclusi in NOOBS:

Dopo aver formattato la scheda SD con il filesystem FAT32 è possibile decomprimere l’archivio .ZIP scaricato da internet e copiarlo nella root principale della scheda SD. Al primo avvio verrà visualizzato l’elenco dei sistemi gestibili da NOOBS.

 

Al primo avvio NOOBS visualizzai sistemi operativi che possono essere gestiti in automatico. Raspbian, come si vede dall’icona, è già presente sulla scheda SD.

Dopo aver premuto il tasto “install” nella barra in alto viene visualizzato un messaggio per chiedere una ulteriore conferma.

La schermata mostra l’avanzamento dell’installazione di Raspbian.

Il desktop di Raspbian una volta terminata l’installazione e i programmi di Office Automation già installati.

Infine il browser in esecuzione su una pagina web (a caso).

 

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/installare-noobs-e-raspbian-su-sd-con-linux/