Tag: raspberry

Installare Retropie su SD per Raspberry

Formattare la scheda SD con il filesystem Fat32 con il programma GParted.
Ho scaricato la versione 4.3 di Retropie per Raspberry pi 3 dal sito ufficiale.
Decomprimere il file in modo da ottenere l’immagine del programma; si crea un file in formato .IMG da circa 2,2 GB. In alternativa è possibile usare il comando:

gzip -dv retropie-4.3-rpi2_rpi3.img.gz 

Con il comando il file di origine .GZ viene cancellato a meno che non venga utilizzato l’apposita opzione per conservare il file compresso.
Per comodità ho posizionato il file .img sulla Scrivania e l’ho rinominato semplicemente in retropie.img. Poi è necessario aprire la console e digitare il seguente comando:

sudo dd if=retropie.img of=/deb/sdb

per copiare l’immagine nella scheda SD che, in questo caso, è collegata al pc tramite un lettore di schede USB,dove if indica il file di input e of il file di output. Armarsi di pazienza e attendere il termine dell’operazione.

Al termine dell’operazione è possibile scollegare il lettore di schede SD e installare la scheda nell’apposito slot del Raspberry per far partire l’installazione.

Una delle funzionalità in assoluto più comode di Retropie, è la possibilità di potersi collegare direttamente tramite protocollo SSH, e questo significa che è possibile caricare i file e le ROM in Retropie senza dover sempre spostare la scheda SD ma collegandosi direttamente tramite rete. Retropie in generale è molto più configurabile rispetto a Recalbox.

Una volta partito Retropie è necessario andare nel menù di configurazione per collegarlo alla rete WiFi e successivamente per attivare il protocollo SSH.

Andare su Linux e selezionare File – Connetti al server… e inserire i seguenti parametri di login per poter collegarsi direttamente a Retropie da Linux e poter accedere al file system per copiare, ad esempio, le varie ROM con i giochi. Nel mio caso l’indirizzo IP di Retropie era 192.168.1.102, sulla porta 22 con nome utente pi e password di default (che però adesso non ricordo).

Facendo ripartire Retropie è possibile iniziare a giocare…

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/installare-retropie-su-sd-per-raspberry/

Installare Recalbox su SD per Raspberry

Formattare la scheda SD con il filesystem Fat32 con il programma GParted. Ho scaricato la versione 17.12.02 di Recalbox dal sito ufficiale.
Aprire il terminale ed eseguire il comando
unxz recalbox.img.xz
per creare il file in formato .img da poco più di 2 GB.
Eseguire il comando
sudo dd if=recalbox.img of=/dev/sdb
per copiare l’immagine nella scheda SD che, in questo caso, è collegata al pc tramite un lettore di schede USB.
Al termine dell’operazione è possibile scollegare il lettore di schede SD e installare la schede nell’apposito slot del Raspberry per far partire l’installazione.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/%ef%bb%bfinstallare-recalbox-su-sd-per-raspberry/

Installare NOOBS (e Raspbian) su SD con Linux

NOOBS (New Out Of the Box Software) è un software sviluppato per facilitare l’installazione dei vari sistemi operativi/applicazioni su sistemi Raspberry senza doversi preoccupare di gestire manualmente le immagini sulle schede SD.

Alla data dell’articolo è possibile scaricare 2 versioni di NOOBS; una contiene già il sistema operativo Raspbian (una derivazione di Debian per Raspberry) e una invece contiene solo NOOBS e permette di scegliere i moduli da installare in un secondo momento.

Preparare una SD possibilmente capiente e di classe 10 e utilizzare un programma per prepararla all’installazione (su Linux Mint utilizzo GParted).  Ricordo che, in base alle specifiche SD, una scheda SD più grande di 32 GB è una scheda SDXC che deve essere formattata con il filesystem exFat.

Attualmente i seguenti sistemi operativi sono inclusi in NOOBS:

Dopo aver formattato la scheda SD con il filesystem FAT32 è possibile decomprimere l’archivio .ZIP scaricato da internet e copiarlo nella root principale della scheda SD. Al primo avvio verrà visualizzato l’elenco dei sistemi gestibili da NOOBS.

 

Al primo avvio NOOBS visualizzai sistemi operativi che possono essere gestiti in automatico. Raspbian, come si vede dall’icona, è già presente sulla scheda SD.

Dopo aver premuto il tasto “install” nella barra in alto viene visualizzato un messaggio per chiedere una ulteriore conferma.

La schermata mostra l’avanzamento dell’installazione di Raspbian.

Il desktop di Raspbian una volta terminata l’installazione e i programmi di Office Automation già installati.

Infine il browser in esecuzione su una pagina web (a caso).

 

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/installare-noobs-e-raspbian-su-sd-con-linux/