Tag: linux mint

Linux, la mia passione (inteso come participio passato di pati ‘soffrire’)

Durante il normale utilizzo del mio sistema “linux based” sono incappato in quello che molti esperti ritengono uno dei grandi misteri (e uno dei più grossi problemi) che possano accadere ad un utente di questo sistema operativo. durante la fase di boot compariva il seguente messaggio “PKCS#7 signature not signed with a trusted key”

Il problema molto probabilmente è legato all’installazione di Steam della Valve e di alcuni giochi demo che ho provato a scaricare. Grazie a Timeshift (detto anche Timebomb) ho ripristinato una precedente immagine del SO e ho salvato tutti i dati personali. Poi, visto che è stata recentemente rilasciata la versione 20 di Linux Mint (nome in codice “Ulyana”) ho deciso di provare un paio di SO prima di installare questa nuova versione (che guarda caso ha una nuova “feature” per la gestione delle scheda grafiche Nvidia come quella montata sul mio portatile).

Questa volta ho provato ad installare:

Ubuntu 20.10: confermo la mia totale avversione a questo prodotto (sia in termini di nome, sia in termini di interfaccia grafica);

Fedora 33 Workstation (la distro usata da Linus Torvalds): il passaggio dalla galassia Debian alla galassia Red Hat non mi tenta… e considerando il desktop engine utilizzato direi che non mi sbaglio…

Debian 10.6: ho scaricato i 3 DVD della release e poi ho installato Debian con il DE Cinnamon (per avere un confronto diretto con l’attuale sistema Linux Mint 19 usato normalmente). Debian è la madre di molte distro linux di successo come, appunto Ubuntu e Mint, però non posso concepire di non poter avere il WiFi configurato solamente perchè il software non è totalmente free e ci sono pezzi di codice protetto da copyright. Poi non mi piace neanche l’emulatore del terminale… ok essere puristi, ok votarsi alla stabilità, ok votarsi al codice libero… però che tedio…

Poi ho deciso di continuare con Mint e installare la nuova versione… la 20. Ci ho messo un po’… ho faticato ad installarla… poi mi sono ricordato che avevo avuto lo stesso problema anche con la precedente installazione della versione 19, allora ho rispolverato l’articolo scritto all’epoca e ho risolto brillantemente il problema.

Linux si conferma una passione, nel senso etimologico del termine… una sofferenza… anche se poi ti lusinga e crea un legame di odio/amore con l’utilizzatore.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/linux-la-mia-passione-inteso-come-participio-passato-di-pati-soffrire/

Linux, fatti riconoscere!

Riporto di seguito alcuni comandi che possono essere utili per identificare una versione di Linux, del Kernel e, in caso di Linux Mint (LM), la versione corrispondente di Ubuntu. Questo ultimo aspetto è particolarmente comodo quando dobbiamo installare un pacchetto e troviamo solo la corrispondenza con Ubuntu (ad esempio Virtual Box). In questo modo possiamo sapere quale pacchetto scaricare che sia compatibile con la nostra versione di LM.

Quindi, per trovare la versione di Ubuntu da cui deriva la nostra versione installata di LM, il comando più comodo è:

cat /etc/upstream-release/lsb-release

Per ottenere info sul kernel:

uname -r

Infine, per ottenere info sulla versione di linux in formato “verboso” occorre lanciare il seguente comando:

lsb_release -a

oppure per avere le singole informazioni usare i seguenti comandi:

 lsb_release -d #per avere la descrizione (ad esempio "Linux Mint 20")
 lsb_release -r #per avere il numero di release (ad esempio "20")
 lsb_release -c #per avere il nome in codice  (ad esempio "ulyana")

Le stesse informazioni possono essere recuperate dal file /etc/os-release:

more /etc/os-release

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/linux-fatti-riconoscere/

Retropie – Parte 1: l’installazione

Decido di fare una installazione di Retropie sul mio Raspberry partendo da 0 e cercando di modificare e personalizzare l’installazione dei vari emulatori e dei giochi.

Questa volta ho scaricato l’immagine retropie-4.5-rpi2_rpi3.img.gz dal sito ufficiale e l’ho decompressa. Questa volta per copiare l’immagine su scheda micro SD ho deciso di utilizzare il programma già presente nella distro Linux Mint anziché utilizzare il comando dd.

Dopo aver copiato l’immagine sulla scheda SD è necessario inserirla nel Raspberry e avviarlo per completare l’installazione. Al termine dell’installazione e al primo riavvio, EmulationStation rileva l’eventuale gamepad o joystick collegato al Raspberry e presenta subito la procedura guidata per la configurazione in modo da poter utilizzare subito il nuovo sistema.

Consiglio: quando si configura il joypad è opportuno configurare il tasto Hotkey con il tasto Select; in questo modo premendo contemporaneamente il tasto Select e il tasto Start si esce da ogni gioco.

Se si hanno problemi con l’audio collegando il Raspberry al televisore utilizzando un cavo HDMI (e quindi sfruttando la funzionalità di “pass-through”) è necessario togliere il commento dalle seguenti righe presenti nel file /boot/config.txt eseguendo la combinazione di comandi:

sudo nano /boot/config.txt

e togliere il commento dalle righe (ovvero togliere il carattere iniziale #)

hdmi_drive=2
hdmi_force_hotplug=1
hdmi_force_edit_audio=1

riavviare il sistema.

Consiglio: se dopo l’installazione del sistema Retropie funziona correttamente, NON FARE (e ripeto NON FARE) nessun aggiornamento del sistema. Può solo rendere il sistema più instabile.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/retropie-parte-1-linstallazione/

Factotum BOT – La presentazione

Finalmente, dopo un lungo periodo di preparazione, sono riuscito a terminare la presentazione per il progetto Factotum BOT.

Cos’è Factotum BOT? E’ sostanzialmente un bot per Telegram creato in Python utilizzando la libreria TELEPOT (anche se al momento il progetto di sviluppo di questa libreria è fermo) per testare alcune funzionalità e possibilità offerte da questo tipo di implementazione.

Come prima cosa devo ringraziare gli amici del sito “Alla fine del palo” perchè ho letteralmente utilizzato il loro codice per la parte che si occupa di leggere un QR Code (ma ho chiesto preventivamente l’autorizzazione).

Qui di seguito trovate la presentazione (l’attuale versione pubblicata è aggiornata a Settembre 2019) del progetto e nei prossimi giorni pubblicherò sia le singole funzioni sia il codice dell’intero bot funzionante. Ovviamente se lo volete provare dovrete creare un vostro bot tramite TheBotFather e utilizzare il vostro codice di attivazione del bot.

Permettetemi un’ultima divagazione…

Mi sono imposto (per motivi etici) di realizzare il progetto unicamente con software libero e quindi anche la presentazione l’ho voluta realizzare con lo strumento Impress della suite per ufficio LibreOffice. L’impressione che ho avuto è che sia un programma orrendo rispetto al suo parente più blasonato di casa Microsoft.

E a questo proposito mi viene in mente la diatriba tra Torvalds e Stallman quando, nella conferenza del 1996 organizzata dalla Free Software Foundation, Torvalds ammise di ammirare il software per la presentazioni delle diapositive della Microsoft. “Da qualche parte nell’universo del software libero stava nascosto un programma che forse un giorno qualche hacker avrebbe trasformato in alternativa a Power Point. Ma fino a quel momento, perchè invidiare alla Microsoft l’idea di aver realizzato quel programma e di essersene riservata i diritti?”

Beh posso tranquillamente dire che quel giorno non è ancora arrivato. Per fortuna di Microsoft e per sfortuna nostra.

Trovate tutti i link utili nell’apposita sezione del sito.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/factotum-bot-la-presentazione/

Linux Mint 19.1

Ormai sono più di 3 anni che utilizzo abitualmente Linux Mint sul mio portatile.
Mi sono fatto prendere da un demone interiore e ho deciso di provare ad installare un nuovo sistema operativo… la scelta è caduta su:

  • Linux Mint (la nuova versione 19.1)
  • Ubuntu (la versione 18 e qualcosa… sia la LTS sia quella più “aggiornata”)
  • Debian (la versione 9.8 sia con Gnome sia con Cinnamon)
  • Fedora (con sostanziale passaggio da “casa” Debian a “casa” Red Hat)

Li ho provati prima in un ambiente virtuale grazie a VirtualBox. Volevo provare Debian e testare anche il Desktop Engine Gnome 3, ma l’ho trovato troppo semplicistico e troppo lontano dalla mia idea di desktop. Fedora era un passaggio troppo grande… vorrebbe dire passare al lato oscuro della forza. Ubuntu… beh lasciamo stare… proprio non ce la faccio ad utilizzare un SO con un nome così aberrante.

Sono tornato sulla nuova edizione di Linux Mint 19.1 (nome in codice “Tessa”) con Cinnamon come Desktop Engine. Però non riuscivo ad installarla perché ad un certo punto dell’installazione compariva il messaggio di errore:

PCIe bus error severity=corrected type= physical layer (eccetera eccetera eccetera)

Come soluzione ho dovuto modificare i parametri in fase di boot con il comando “c” e ho aggiunto il parametro pci=nomsi. In questo modo l’installazione è terminata senza nessun problema. Ovviamente però è necessario rendere definitiva la modifica modificando opportunamente il file grub presente nella cartella /etc/default/grub nel seguente modo:

GRUB_CMDLINE_LINUX_DEFAULT=”quiet splash pci=nomsi”

e poi è necessario ricordarsi poi di lanciare il comando
sudo update-grub

Finalmente mi posso godere il mio nuovo sistema Linux Mint 19.1 “Tessa”

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/linux-mint-19-1/

Dove mi trovo? Un aiuto inaspettato dal Python

A volte capita di svegliarsi dopo una serata intensa e non sapere dove ci si trova. A questo viene in aiuto il sito geoPlugin che offre molti servizi legati alla geo localizzazione. In particolare ho trovato simpatico il servizio che, data la latitudine e la longitudine, fornisce, tramite un oggetto json, l’elenco di alcune località vicine a noi e con informazioni utili come ad esempio la distanza in miglia e kilometri e la direzione.

Questo è un esempio di url da lanciare per avere un’idea dell’output che viene prodotto:

http://www.geoplugin.net/extras/nearby.gp?lat=44.6983&lon=10.6312&format=json

Il passo successivo è stato quello di scrivere un programma in python per gestire l’output. Questo programma non prevede la modifica delle coordinate geografiche in input, se non modificando il sorgente del programma prima della sua esecuzione, però è solamente un primo passo verso qualcosa di più evoluto (ad esempio un bot Telegram).

Infatti ho trovato delle difficoltà nella formattazione corretta del tracciato json di output e della sua successiva gestione tramite la libreria json di python. Ho risolto questo problema convertendo l’output in formato UTF-8.

Molto utile anche l’utilizzo del ciclo for per la lettura dei dati json e degli elementi in esso contenuti.

Riporto di seguito il codice funzionante… andrebbe migliorato… ma funziona.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/dove-mi-trovo-un-aiuto-inaspettato-dal-python/

MusicBrainz Picard

Picard è un programma cross-platform scritto in Pyton per taggare i file musicali attingendo le informazioni dal sito MusicBrainz.

Come prima cosa è necessario installare il programma; da Linux Mint è possibile installarlo tramite riga di comando, tramite gestore delle applicazioni o, a partire dalla versione 18.3, anche tramite Flathub.

Una volta aperto Picard è possibile aggiungere un singolo file o una cartella… in questo caso ho caricato l’album Ok Computer dei Radiohead.

E’ possibile premere il pulsante Raggruppa per chiedere al programma di raggruppare i file (e quindi le canzoni) per Album. A questo punto è possibile premere il pulsante Analizza; in questo modo Picard trova (o meglio prova a trovare) le informazioni delle canzoni su Musicbrainz.

A questo punto, se l’analisi va a buon fine, l’album viene visualizzato nella parte destra della finestra (e contestualmente viene eliminato dalla parte sinistra) con l’icona del CD in colore giallo oro per confermare che l’analisi è andata a buon fine. Espandendo il CD è possibile vedere le canzoni che sono state etichettate con i TAG ricevuti dal portale Musicbrainz.

L’utilità di questo TAG è opinabile… aggiunge informazioni utili soprattutto se le canzoni vengono gestite con programmi, come ad esempio Kodi, che permettono di avere una gestione molto complessa e precisa dei file musicali presenti sul proprio computer.

Come ultima cosa è necessario selezionare il CD e premere il tasto Salva in modo da salvare le informazioni sui file di origine. L’operazione viene confermata dall’icona a forma di segno di spunta verde davanti ad ogni file salvato con successo.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/musicbrainz-picard/

La nascita del Vero Uomo 2.0

Se in epoche passate, dove l’informatica era una materia conosciuta da pochi eletti, il Vero Uomo utilizzava sistemi Unix, adesso, dove  l’informatica è diventata una sottocategoria dell’elettronica di consumo, il Vero Uomo 2.0 utilizza (anche) Windows. E il Mangiatore di Quiche che fine ha fatto? Esiste ancora? Si, il Mangiatore di Quiche esiste ancora e usa un qualsiasi prodotto della Mela o un Tablet (di qualsiasi marca) in quanto li considera entrambi soluzioni informatiche avanzate; non si accorge che stanno uccidendo la Vera Informatica.

L’informatica di consumo (che è quella che piace ai Mangiatori di Quiche) è diventata talmente modaiola, poco affascinante e quanto di più lontano dalla Vera Informatica ci possa essere, da rendere i sistemi Microsoft (e quindi, di conseguenza, i personal computer non iQualcosa) degni di un Vero Uomo 2.0.

I veri uomini sono i veri smanettoni e adesso che Windows sta morendo a causa della sua incapacità di rimanere uguale alle versioni che ne hanno determinato il successo i veri uomini sono quelli che usano sistemi operativi alternativi… ma sempre meno di nicchia.L’importante è che il Vero Uomo ne sappia di informatica e sia uno smanettone… comprare un pc da 2.000 € solo perché è costoso non aggiunge nessun valore alla persona che rimane, di conseguenza, un Mangiatore di Quiche. Perchè la verità è che sul nuovo portatile era installata una versione del nuovissimo Windows 10 e, piuttosto di imparare ad utilizzare questo “nuovo” sistema operativo, ho preferito imparare ad utilizzare Linux Mint per le attività di tutti i giorni. E devo ammettere che mi sto adattando molto bene e il divertimento e il piacere aumentano giorno dopo giorno.

E poi vuoi mettere la sensazione di potenza quando per spegnere un pc devi scrivere sulla riga di comando (preferibilmente la BASH Shell):

shutdown -h now

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/la-nascita-del-vero-uomo-2-0-2/

Installare VirtualBox su Linux Mint

Non perdo tempo a spiegare cosa sia VirtualBox della Oracle .

Come prima cosa è necessario andare sul sito VirtualBox e scaricare l’ultima versione disponibile per il proprio sistema operativo. Alla data di questo articolo la versione disponibile è la 5.2.22. Ricordatevi di scaricare anche il VirtualBox Extension Pack per aggiungere funzionalità aggiuntive come il supporto USB 2.0 e 3.0, la crittografia dei dischi e il supporto alle schede Intel con tecnologia NVMe e PXE.

Per Linux Mint io ho scaricato la versione “All distrubutions” che scarica un file con estensione .run da eseguire da console. Il file ha estensione .run e occupa circa 68 MB, mentre il file con l’Extension Pack (unico per tutte le distribuzioni in quanto funziona com un plugin) occupa circa 20 MB.

Per eseguire l’installazione è necessario dare i permessi di esecuzione al file appena scaricato mediante il comando

chmod +x VirtualBox-5.2.22-126460-Linux_amd64.run

e successivamente digitare

sudo ./VirtualBox-5.2.22-126460-Linux_amd64.run

Quando VirtualBox è stato correttamente installato è necessario andare nel menù File – Preferenze – Estensioni e caricare l’Extensin Pack precedentemente scaricato.

Infine, come ultimo passo, è necessario dare accesso a VirtualBox al sottosisitema USB; per fare questo è necessario che l’utente che esegue VirtualBox appartenza al gruppo vboxuser. Per associare l’utente al gruppo è necessario aprire il terminale e digitare il seguente comando:

sudo usermod -aG vboxusers <USERNAME>

Dove, ovviamente USERNAME è il nome dell’utente che esegue VirtualBox.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/installare-virtualbox-su-linux-mint/

Roger… il primo bot per Telegram scritto in Python

Partiamo con il primo bot per Telegram scritto in python.

Come prima cosa utilizzare il bot BotFather di Telegram per creare un nuovo bot e copiare il codice di attivazione che dovrà essere inserito nel codice del programma.

Questo bot farà una cosa molto semplice, ovvero analizza il formato del messaggio digitato e non farà altro che riproporlo nel formato:

Roger... TESTO DIGITATO SU TELEGRAM... passo...

Oltre ad interagire direttamente all’interno di Telegram, il programma visualizzaerà anche i messaggi digitati all’interno della finestra dove lo script è in esecuzione.

Anticipo che Telegram può essere scaricato per qualsiasi piattaforma compreso iOS e Linux… in questo modo è possibile utilizzare dispositivi più comodi rispetto al solito smartphone.

Qui di seguito è riportato il testo funzionante di questo primo e semplice bot.

import time
import telepot
import json
from telepot.loop import MessageLoop

def handle(msg):
content_type, chat_type, chat_id = telepot.glance(msg)
print(content_type, chat_type, chat_id)

if content_type == 'text':
text = msg['text']
bot.sendMessage(chat_id, 'Roger... ' + text + '...passo...')
print(msg["from"] ["first_name"] + " ha scritto " + msg["text"])

bot = telepot.Bot('COPIARE_CODICE_ATTIVAZIONE_BOT')
MessageLoop(bot, handle).run_as_thread()
print('BOT in ascolto ...')
# Questo ciclo itera il programma (agisce come un processo sempre attivo)
while 1:
time.sleep(10)

Questa è una schermata tratta da Telegram (questa è la versione per linux)

e questo è lo stesso output che si può leggere nella console.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/roger-il-primo-bot-per-telegram-scritto-in-python/

Telegram… vieni a me

Voglio programmare un Bot in Telegram usando il linguaggio Python. Queste sono le premesse.

Ovviamente occorre installare Python e un editor sulla macchina.  Successivamente è necessario installare la libreria TELEPOT (per interfacciarsi con le API di Telegram) e PPRINT per avere delle funzionalità aggiuntive sulla scrittura dei messaggi.

Entrambe le librerie le ho installate con il comando:

sudo easy_install3 telepot
sudo easy_install3 pprint

Per l’installazione delle librerie Python preferisco utilizzare il programma easy_install al posto di pip perchè con pip su Linux Mint 18.3 ottengo sempre dei messaggi di errore.

Apro IDLE (un veloce e leggero IDE per Python) e scrivo i seguenti comandi :

import telepot [con questa istruzione importiamo la libreria 'telepot' per gestire il bot]

bot = telepot.Bot('***** PUT YOUR TOKEN HERE *****') [richiamo il bot utilizzando 
il token associato al bot]

bot.getMe() [eseguo la funzione per visualizzare i dati principali del bot]

Ecco quello che viene visualizzato:

Se visualizziamo un testo come quello sopra riportato significa che ci siamo correttamente collegati al nostro Bot di Telegram che, in questo caso, si chiama zaccabot.

 

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/telegram-vieni-a-me/

Gestire e ripristinare backup in Thunderbird utilizzando i profili

Utilizzo Thunderbird come client di posta elettronica da parecchi anni e quindi ho spesso la necessità di trasferire tutti i dati e le mail (in una parola il mio profilo) da un sistema all’altro.
Anziché utilizzare programmi ad hoc o plugin appositamente sviluppati, è sufficiente copiare la cartella del profilo presente all’interno della apposita cartella di Thunderbird (il percorso dipende dal sistema operativo utilizzato) e copiarlo (ad esempio su una chiavetta USB) in modo da poterlo trasferire successivamente sul nuovo sistema. La cartella ha un nome che inizia con una stringa casuale (esempio “p62ktu03”) e poi termina con “.default”.

Al primo avvio di Thunderbird sul nuovo sistema operativo (nel mio caso Linux Mint, visto che non è ancora presente un profilo,  viene visualizzata la finestra per configurare un nuovo account.

Così facendo il programma crea la cartella di “.thunderbird” all’interno della cartella Home dell’utente dove sono presenti la cartella Crash report, la cartella che contiene tutti i dati (che avrà un nome illeggibile e casuale come anticipato prima) e un file di configurazione chiamato “profiles.ini” che contiene il riferimento ai profili utilizzabili.

Copio la cartella che contiene le mie precedenti configurazioni e mail (ovvero la cartella che contiene il mio precedente profilo) nella cartella “.thunderbird” e poi edito il file profiles.ini in modo da indicare a Thunderbird che profilo utilizzare all’avvio del programma. In questo modo lanciando nuovamente il programma sarà possibile utilizzare direttamente il vecchio profilo con tutte le mail e account precedentemente utilizzati. Questo permette di continuare a lavorare sui precedenti account e avere tutte le precedenti mail senza dover passare per programmi di backup o per plugin appositamente sviluppati. Tanto semplice quanto veloce.

E’ possibile modificare il file profiles.ini nel seguente modo:
[General]
StartWithLastProfile=0

[Profile0]
Name=default
IsRelative=1
Path=g0avwgca.default
Default=1

[Profile1]
Name=NON_USARE
IsRelative=1
Path=p62ktu03.default
Default=0

In questo modo ho chiamato “default” il profilo con gli account precedenti e ho rinominato in “NON_USARE” il profilo creato ex nova al primo avvio di Thunderbird sul nuovo sistema in modo da poter lo utilizzare in un secondo momento.
Inoltre, avendo impostato a 0 la variabile StartWithLastProfile (ed avendo inserito 2 profili), all’avvio di Thunderbird verrà visualizzata la seguente schermata:

Il gioco è fatto.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/gestire-e-ripristinare-backup-in-thunderbird-utilizzando-i-profili/

Ripartiamo dalla shell BASH

Considerato che ormai da molto tempo utilizzo un sistema operativo Linux, ho deciso di rispolverare la programmazione tramite shell. La mia preferita (come quella di molti) è la BASH – Bourne Again SHell) e, visto che è presente sulla distro Linux Mint, ho iniziato a riprendere un po’ di confidenza con questo potente strumento.

Come prima cosa aprire il proprio editor preferito, creare un nuovo file e inserire la riga :
#!/bin/bash
Ricordiamoci che tutto quello che inizia con il carattere # viene considerato commento e quindi non eseguito   dalla shell.
Inserire il comando:
echo Hello World!
che non fa altro che visualizzare la frase “Hello World!” sulla console.

Salvare il file con il nome “hello.sh” (senza i caratteri “).
Prima di eseguire il file è necessario dargli gli attributi per poterlo eseguire mediante il comando:
chmod +rx hello.sh
A questo punto è sufficiente digitare il comando:
./hello.sh

Ecco il risultato:

Hello World! nella shell BASH

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/ripartiamo-dalla-shell-bash/

Quando i DRM degli eBook ledono la mia libertà

Compro un eBook su internet.  Si tratta di un libro in formato .EPUB protetto con il sistema DRM (Digital Rights Management) sviluppato da Adobe per i libri digitali. Il prodotto di Adobe per la gestione di questo tipo di file è Adobe Digital Edition. Serve ovviamente una utenza e una password in modo da poter leggere i libri protetti con questa tipologia di DRM. Quindi, ad esempio, sui vari lettori di ebook è necessario inserire le proprie credenziali ottenute con Adobe Digital Edition e diventa possibile leggere il libro.

Fin qui tutto bene, ma a volte gli eventi prendono strade impreviste e improvvise che ci costringono a scontrarci con il sistema…

Sono arrivato all’inizio del capitolo finale del libro (che mi sta prendendo benissimo e non vedo l’ora di leggere le pagine finali) quando, per uno spiacevole incidente, mi si rompe il lettore di eBook (come da foto).

l'eBook reader rotto

Ok nessun problema… il file è presente anche sul mio portatile con installato linux Mint e Calibre e lo posso leggere anche da lì. Sarà un po’ più scomodo ma alla fine mancano solo i capitoli finali e quindi ce la posso fare.

Apro Calibre, seleziono il file, attivo la modalità lettura… impossibile leggere il file perchè è protetto dal sistema DRM….

errore in Calibre per DRM

Bene. La mia rabbia sale oltre ogni limite. Maledetto Copyright… ma perchè non c’è il Copyleft sul mio libro?

Ma qual’è il problema?

Il motivo è semplice… Adobe non ha sviluppato la versione del programma Adobe Digital Edition per linux e quindi Calibre (ma nessun altro programma) è in grado di leggere in ambiente linux i file protetti da DRM.

Questa cosa è inammissibile. E’ come andare in libreria, comprare un libro cartaceo, pagarlo alla cassa e poi, sentirsi dire dal cassiere: “questo libro può essere letto  a casa, in ufficio ma non sui mezzi pubblici o nei parchi”.

Io pago. Io leggo dove voglio e su qualsiasi sistema operativo e con qualsiasi software.

Ovviamente la cosa non finirà qua. Io devo finire i libro e lo voglio leggere dove preferisco.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/quando-i-drm-degi-ebook-ledono-la-mia-liberta/

Un po’ di libertà digitale… go OpenDNS

Tralascio cosa sia il DNS perchè penso che ormai tutti conoscano questo servizio/protocollo.

Diciamo solo che:

  • se vogliamo migliorare i tempi di risposta nel corso della navigazione;
  • se vogliamo proteggerci meglio dai siti di phishing;
  • se vogliamo accedere a siti che, con i normali server DNS impostati di default, non potemmo raggiungere

l’unica soluzione è quella di utilizzare come server DNS i server di OpenDNS raggiungibili tramite i seguenti indirizzi IP:

  • 208.67.222.222
  • 208.67.220.220

Gli indirizzi IP sopra indicati devono essere settati nel menù di configurazione delle reti del proprio PC, come nella schermata sotto riportata presa da un sistema operativo Linux Mint Cinnamon.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/un-po-di-liberta-digitale-go-opendns/