Tag: gpx

Stadio Mapei – vecchia ferrovia – Correggio

Dopo aver sperimentato gli e-Roadbook con CompeGPS Land, ho messo in pratica quanto appreso e ho seguito l’itinerario che dallo Stadio Mapei di Reggio Emilia conduce a Correggio passando per Bagnolo, il tracciato della vecchia ferrovia e per Fosdondo.

Come potete notare dalla prima immagine (che visualizza la schermata di CompeGPS Land) la traccia seguita realmente nel corso del giro in MTB (in rosso) differisce di pochissimo rispetto al tracciato editato con CompeGPS Land (in verde) e che è stata utilizzata come guida.

Qui potete trovare i file del giro:

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/stadio-mapei-vecchia-ferrovia-correggio/

CompeGPS Land e gli e-roadbook

Sottotitolo: “come esplorare nuovi percorsi con un navigatore personale al proprio fianco”..

Gli e-Roadbook introdotti da CompeGPS/TwoNav derivano dallo strumento utilizzato da sempre in ambito rallystico dal navigatore per aiutare il pilota a destreggiarsi su percorsi mai provati prima.
Allo stesso modo gli e-Roadbook servono per caricare un percorso che sarà poi possibile utilizzare come traccia per la propria escursione o giro o viaggio beneficiando di informazioni aggiuntive che possano aiutare sia a navigare meglio (segnaletica, indicazioni di svolta, ecc) sia di avere maggiori informazioni sotto forma di testi o foto.

I dispositivi TwoNav possono gestire gli e-Roadbook nei seguenti formati:
– TRK
– BTRK

Come si vede dal formato dati supportato (TRK e BTRK) gli e-Roadbook non sono altro che file traccia con l’aggiunta di immagini e descrizioni più o meno approfondite. Ovviamente per poter creare un e-Roadbook è necessario avere a disposizione:
– CompeGPS Land
– un file traccia
– le informazioni e le foto da aggiungere alla traccia. Comunque è necessario dire che è possibile utilizzare anche solamente le icone già presenti all’interno di CompeGPS Land (che normalmente vengono utilizzate per i waypoint).

Aprire ComepGPS Land e creare una nuova traccia oppure crearne una nuova. Selezionare la traccia con il tasto destro del mouse per attivare il suo menù contestuale e selezionare la voce “Edita roadbook” o qualcosa di simile (dipende dalle versioni e dalla lingua utilizzata per il software). A questo punto si apre una nuova finestra “volante” che permette di editare i singoli waypoint che compongono il tracciato ed aggiungere le immagini o le descrizioni. Generalmente, visto che uso gli e-Roadbook come guida per le uscite in MTB, evito di utilizzare descrizioni troppo prolisse o immagini e utilizzo soltanto le icone già presenti all’interno del programma per indicare le svolte ai bivi o agli incroci in modo da non sbagliare strada rispetto alla traccia che voglio seguire.

Una volta finito salvo il mio e-Roadbook sia in formato .TRK sia in formato .BTRK. E’ bene sottolinare che il file .BTRK non è modificabile e qundi è buona norma non cancellare il file .TRK. Se vogliamo apportare modifiche all’e-Roadbook l’unico modo è quello di lavorare sul file .TRK e solo successivamente risolvarlo nel formato .BTRK.
Preferisco avere entrambe le estensioni solamente per un motivo di sicurezza (anche se nel nome del file metto sempre una sigla per identificare le traccie normali rispetto a quelle che contengono e-Readbook).
Sul dispositivo TwoNav Sportiva carico entrambi i file però poi utilizzo quello in formato .BTRK.

Navigazione di un e-Roadbook
una volta caricato il file .BTRK sul dispositivo TwoNav Sportiva, per iniziare a seguire la traccia è necessario seguire questi punti:
– Menù principale > Start!
– Elenco tracce: Selezionare l’e-Roadbook che si intende utilizzare e premere il pulsante ‘Naviga’.
– Finestra carta: Identificare l’e-Roadbook che si intende utilizzare, selezionarlo tenendo premuto per aprire il menù contestuale e premere ‘Naviga’.

Ulteriori informazioni possono essere trovate sui seguenti manuali ufficiali:

Ed ecco i file che potete utilizzare per testare l’utilizzo degli e-roadbook con il vostro software e il vostro dispositivo:

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/compegps-land-e-gli-e-roadbook/

CompeGPS Land “i Set”

I “Set” all’interno di CompeGPS Land sono dei file che contengono oggetti diversi come:
– waypoint
– tracce
– percorsi
– mappe

I Set sono file con estensione .GPX o .CJT che al loro interno possono contenere tutti i tipi di oggetti sopra elencati (anche raggruppati tra di loro). Per esempio è possibile includere direttamente 2 waypoint (ad esempio partenza e arrivo) insieme ad un file con estensione .WPT che contiene, al suo interno, altri waypoint (ad esempio gli eventuali punti di interesse lungo il percorso).

Se vogliamo trovare un inconveniente per l’utilizzo dei Set all’interno dei dispositivi TwoNav è il fatto che i vari oggetti vengono visualizzati due volte nell’albero dei dati (il c.d. Data Tree):
– 1 volta sotto il ramo “Sets”
– 1 volta sotto ogni categoria specifica per il tipo di oggetto (“Track”, “Waypoint”, ecc).

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/compegps-land-i-set/

Germania in bici alla ricerca di birra (tentativo 2)

L’anno dopo i miei amici (con l’aggiunta di un nuovo compagno di pedalata) sono tornati in Germania, cambiando leggermente percorso.

[sgpx gpx=”/wp-content/uploads/gpx/(DEU) Germania in bici 2.gpx”]

# DEU-01-kauberen-erling.gpx (Dimensione: 14.0 KB - 97 downloads)
# DEU-02-erling-murnau.gpx (Dimensione: 14.6 KB - 69 downloads)
# DEU-03-murnau-berg.gpx (Dimensione: 14.7 KB - 63 downloads)
# DEU-04-berg-oberstdorf.gpx (Dimensione: 17.3 KB - 67 downloads)
# DEU-05-oberstdorf-isny.gpx (Dimensione: 18.1 KB - 71 downloads)
# DEU-06-isny-kempten.gpx (Dimensione: 18.3 KB - 73 downloads)

 

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/germania-in-bici-alla-ricerca-di-birra-tentativo-2/

Germania in bici alla ricerca di birra (tentativo 1)

I miei amici “Campionissimo” e “Pigna” si sono avventurati in Germania in bici alla ricerca delle migliori birre. In questo primo tentativo hanno abbandonato la macchina a Monaco e poi sono partiti in bici e, in varie tappe, hanno esplorato la zona intorno a Murnau  dove viene prodotta una delle miglio birre dell’universo.

[sgpx gpx=”/wp-content/uploads/gpx/(DEU) Germania in bici 1.gpx”]

# DEU-01-monaco-murnau.gpx (Dimensione: 21.4 KB - 63 downloads)
# DEU-02-murnau-nesselwang.gpx (Dimensione: 21.5 KB - 69 downloads)
# DEU-03-nesselwang-irsee.gpx (Dimensione: 21.5 KB - 137 downloads)
# DEU-04-irsee-odelzhausen.gpx (Dimensione: 15.1 KB - 88 downloads)
# DEU-05-odelzhausen-monaco.gpx (Dimensione: 24.9 KB - 142 downloads)

 

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/germania-in-bici-alla-ricerca-di-birra-tentativo-1/

Dalla seggiovia di Febbio al rifugio Armaduk a 1.500 metri

Percorso che parte dalla base delle seggiovie di Febbio e che arriva al rifugio Armaduk a 1.500 seguendo il tracciato delle piste da sci. Ovviamente la pendenza in certi tratti è molto dura, ma durante il percorso è possibile ammirare il panorama della vallata. Per non esagerare il ritorno è stato fatto utilizzando la seggiovia.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/dalla-seggiovia-di-febbio-al-rifugio-armaduk-a-1-500-metri/

Pianvallese – Passone – Lago della Bargetana – Rifugio Battisti

Percorso che prevede la partenza da Pianvallese e, passando per il Passone, arriva al rifugio Battisti. Poi si continua verso il lago della Bargetana e poi si torna ancora a Pianvallese.

Prima parte del percorso con partenza da Pianvallese e arrivo al rifugio Battisti

Seconda parte del percorso che parte dal rifugio Battisti, arriva fino al lago della Bargetana e poi torna a Pianvallese passando sempre per il Passone.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/pianvallese-passone-lago-della-bargetana-rifugio-battisti/

Waypoint dell’Appennino Reggiano (zona Monte Cusna)

Giusto per comodità pubblico alcuni waypoint relativi alla zona del Monte Cusna, di Febbio e dei rifugi Battisti e Bargetana. I file per il download sono disponibili sia in formato .WPT (nativo di CompeGPS), sia in formato .GPX per una maggiore compatibilità.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/waypoint-dellappennino-reggiano-zona-monte-cusna/

La Foresta Demaniale di Settefratelli in Sardegna

Quando una guardia forestale vi dice che i sentieri del parco forestale dei Settefratelli sono percorribili anche in mountain bike, vi consiglio di non crederci.

I Settefratelli sono una zona montuosa a sud della Sardegna. Un posto splendido, tenuto benissimo e solcato da 6 o 7 sentieri che permettono di esplorare una delle zone più belle della Sardegna. Dopo aver avuto rassicurazioni sulla percorribilità in bici dei sentieri presenti nel parco, ho scelto di provare a seguirne un paio. Non fate questo errore. A parte la strada principale che dalla Caserma Forestale Campu Omu porta alla zona picnic e poi alla Vecchia Caserma Forestale Maidopis, che è facilmente percorribile, gli altri sentieri sono fattibili solo a piedi. Anche le capre farebbero fatica.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/la-foresta-demaniale-di-settefratelli-in-sardegna/

Lago di Montedoglio in Toscana

Questo percorso circolare permette di ‘circumnavigare’ l’invaso artificiale del lago di Montedoglio in Toscana. Il tracciato tocca i paesi di Anghiari e Sansepolcro (che meritano entrambi una visita per la loro bellezza).

Lago di Montedoglio

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/lago-di-montedoglio-in-toscana/

Foresta di Addolì in Sardegna

Bellissimo percorso da fare assolutamente a piedi. Anche perchè non è minimamente contemplato che questo percorso possa essere fatto in bici. Però a fine Settembre non c’era anima viva e io ero in bici.

Solo la parte iniziale e quella finale possono essere fatte comodamente in mtb. La parte centrale del percorso attraversa una delle zone più famose della Sardegna. Su Stampu ‘e su Turrunu è una singolare cascata completamente immersa nella foresta di Addolì al confine tra i comuni di Seùlo e Sadali. Ho raggiunto Sadali in macchina e poi vi ho fatto ritorno alla fine dell’escursione. La cascata ha origine da un fiume carsico e quindi nelle stagioni di secca il getto della cascata assume delle dimensioni molto modeste.

Foresta di Addolì

Da Sadali ho preso la SS 198 in direzione Seui e ho seguito le poche indicazioni (e maggiormente la mia cartina scritta a biro) fino a raggiungere l’ingresso del parco nei pressi di una zona attrezzata. Da qui tramite una serie di stradine sempre più strette e accidentate sono arrivato di fronte alla cascata. Ho proseguito fino a risalire sul monte (e qui ci sono buone possibilità di perdersi perchè non c’è nessun sentiero ben definito) e poi mi sono immesso nuovamente sulla strada asfaltata (SP 8). Come si può notare dalla traccia gps, nei pressi della Cantoniera Genna Uassa, ho fatto vari tentativi di trovare una via più accidentata. Tuttavia i miei tentativi sono andati a vuoto (anche a causa di alcuni lavori stradali) e quindi alla fine ho rinunciato e ho continuato a percorrere la strada provinciale fino a raggiungere nuovamente il campo base a Sadali.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/foresta-di-addoli-sardegna/

Rif. Zamboni – Passone – Rif. Battisti

Questo giro escursionistico parte dalla località Pian Vallese a Febbio e, seguendo il sentiero CAI 615, arriva prima sul colle Passone e poi, proseguendo ancora per circa 20 minuti, al rifugio Battisti.

La lunghezza totale (compreso il ritorno) è di circa 8,6 Km partendo dalla località Pian Vallese. La salita comprende alcuni tratti in forte salita (18, 16 e 20%) e anche il tratto finale che porta al Passone, a circa 1.857 metri, è particolarmente ostico e impegnativo. Quando si arriva in cima lo sforzo viene ricompensato con uno splendido panorama del tutto inaspettato. Dal Passone è possibile raggiungere altre località come Case Civago tramite il sentiero CAI 607, oppure il Monte Cusna tramite il sentiero 615 e successivamente deviando sul sentiero 607 (in direzione opposta rispetto a Case Civago). Continuando per un breve tratto sul sentieri 615 è possibile raggiungere il Rifugio Battisti. Tutti i sentieri e gli “incroci” sono ampiamente e chiaramente segnati sia con segnaletica verticale che, dove il sentiero diventa più impegnativo a causa del terreno roccioso, con segnaletica orizzontale direttamente sulle rocce.


Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/zamboni-il-passone-battisti/

Rifugio Zamboni – Monte Cusna

Partendo dal rifugio Zamboni di Febbio, per arrivare sulla cima del Monte Cusna, è possibile utilizzare due sentieri del CAI, il 617 e il 619. Dopo essermi confrontato con una “esperta guida” ho scelto di percorrere il sentiero 617 per la salita e il 619 per la discesa. Sinceramente il sentieri 617 è più ripido (soprattutto nell’ultima parte in quanto il sentiero è composto da scalini di roccia) ma è nettamente più bello dal punto di vista paesaggistico. Il 619 è più lungo e quindi più morbido e può andare bene per la discesa in quanto permette di non affaticare troppo le ginocchia. In tutto la distanza dell’escursione è di circa 11,7 Km per una ascensone cumulata di rica 1.000 metri.

La vista che si gode dalla cima del Monte Cusna è qualcosa di unico anche perché nelle giornate di cielo sereno è possibile vedere il mare della Liguria e, praticamente, mezza regione.

Partendo la mattina presto dal rifugio Zamboni ed andando di buon passo, è possibile tornare per ora di pranzo in rifugio a gustare un buon piatto caldo o un tagliere di affettati e formaggi.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/zamboni-monte-cusna/

Un tracciato Gps è meglio di 100 parole

Cercando nuovi percorsi da fare in mtb, mi è capitato di imbattermi in descrizioni di percorsi più o meno accurati. Tuttavia passando dalla teoria alla pratica, ho notato come anche solo una imprecisione o una inesattezza della descrizione portasse ad un risultato drammatico nella reale percorribilità del percorso. Spero che l’utilizzo di file gpx possa rapidamente accompagnare tutte le descrizioni di percorsi…

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/un-tracciato-gps-e-meglio-di-100-parole/

Compe GPS 6.2 – profili altimetrici

Mi è stato chiesto di spiegare come faccio a generare i profili altimetrici dei percorsi presenti nel sito. Questo post è la risposta a tale domanda.

Innanzi tutto voglio dire che cercando bene in rete è possibile trovare siti gratuiti che permettono di convertire i diversi tipi di file di percorso e calcolare anche il profilo altimetrico. Personalmente preferisco usare programmi ad hoc, e in particolare spiegherò come generare i profili altimetrici con Compe GPS. Per questa spiegazione ho utilizzato la versione 6.2 nella sua versione di prova valida 30 giorni. Per la prova ho usato il file gpx di un percorso fatto a caso in collina.

Facciamo partire il programma, ed ecco la schermata principale. Il programma è molto potente ma tutto sommato abbastanza semplice da utilizzare.

Come prima cosa selezioniamo il menù Tracce e poi Aprire un Tracce (la traduzione in italiano a volte non è perfetta) e selezioniamo il file (in questo caso prova.gpx) da aprire.

Continue reading

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/compe-gps-6-2-profili-altimetrici/