Sam Williams – Codice libero – Richard Stallman e la crociata per il software libero

Libro che ho preso a caso in seguito ad una ricerca sui libri “informatici” disponibili nella biblioteca elettronica di Reggio Emilia. La prima cosa che mi ha colpito è che il libro proviene da Wikisource e che è soggetto alla licenza “Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)“. L’edizione elettronica del libro (è presente anche una normale versione cartacea) può essere pagata con l regole vigenti per il software libero. L’editore O’Reilly & Associates ha deciso di distribuire il volume sotto la licenza GNU Free Documentation License.

codice libero e richard stallman

Poi mi interessava l’argomento… ma mi spaventava l’idea di leggere una biografia.

Alla fine l’ho letto sotto l’ombrellone

Prima di trascrivere le prime epiche righe del libro, devo anticiparvi che è stata una lettura fondamentale per la mia crescita personale, umana, culturale, informatica e spirituale. E non sto scherzando. Mi si è aperto un mondo. Ecco come si apre il libro:
È successo raramente nella storia, ma è successo, che in un momento in cui sembrava che le regole del gioco fossero immutabili, che i vincitori fossero imbattibili e i perdenti senza alcuna possibilità di riscatto, un uomo solo, assolutamente privo di potere, ricchezze, fama, bellezza, amicizie, un uomo qualunque della specie innumerevole dei perdenti, riuscisse a sovvertire le regole del gioco e a far saltare il banco. La storia raccontata in questo libro è la storia di uno di quegli eventi rari ed è la storia di un uomo eccezionale che nasce perdente e diventa vincente, che non è bello ma affascinante, che non è simpatico ma è adorato come un dio; non ha amicizie vere ma conta migliaia di ammiratori; mette i lunghi capelli in bocca o nel piatto ove sta mangiando ma è conteso ospite alla tavola dei ricchi e dei potenti; non sorride mai ma si traveste da santo mettendosi in testa, a mo’ di aureola, la superficie attiva di un hard disk della prima generazione; non ha i soldi per pagarsi una cena al ristorante ma ha sconvolto un mercato da migliaia di miliardi di dollari.

In questo libro c’è la vera essenza degli hacker e del loro mondo, delle loro caratteristiche e della loro storia passata e presente… perchè il significato è cambiato con l’arrivo dell’informatica di massa e dei personal computer. E si può arrivare, per estrapolazione, alla terza definizione di “cracker”.
Nella mia cultura, il termine “cracker” poteva indicare:

  • l’utilizzo di attacchi “brute force” o comunque invasivi e distruttivi verso sistemi informatici;
  • una persona abile nello sproteggere i programmi come rimuovere il limite temporale nei programmi a tempo, creare keygen e fare crack in modo da bypassare la presenza di “dongle” da collegare al pc.

Ma poi scopro che “la cultura hacker è caratterizzata da un rigoroso senso morale, per cui un vero hacker non danneggerebbe mai un sistema informativo o un programma applicativo; e da una istintiva vocazione per la fraternità, la solidarietà e l’uguaglianza” e allora scopro che se non segui queste regole sei un “cracker”. E questa è la terza definizione di “cracker”. Alla luce di questo aspetto e leggendo la biografia di Stallman, possiamo dire che lui sia un grandissimo hacker… questo aspetto fa passare in secondo piano la sua incredibili capacità come programmatore.

Una cosa è certa… se indossi una cravatta non sei sicuramente un hacker perchè la cravatta viene definita come uno “strangling device” che riduce l’irrorazione cerebrale che si indossa insieme al “suit” che è uno scomodo abito da lavoro.

In questo libro c’è tutto. Non solo la vita di Stallman ma anche tutta l’evoluzione di un mondo che in pochi conoscono. C’è l’informatica degli albori, di quando i computer non erano “personal” e occupavano intere stanze nelle principali università americane, c’è la nascita del software libero, del movimento “open source”, di GNU, di Linus Torvalds e di Linux, c’è la vita e le azioni di altri hacker famosi, c’è la cattedrale e il bazaar, c’è la lotta contro le grandi multinazionali dell’informatica e c’è la libertà.

Inoltre sono contento di aver trovato all’interno dei Jagon Files la conferma di quello che ho appreso nelle mie ricerche e nelle mie immersioni nel mondo digitale… ovvero quali sono le definizione del termine hacker che non corrispondo al vero. Come, ade esempio, il fatto che derivi dal verbo “to hack”… tagliare, fare a fette.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/sam-williams-codice-libero-richard-stallman-e-la-crociata-per-il-software-libero/

Lascia un commento

Your email address will not be published.