Category: Letture

J. G. Ballard – La mostra delle atrocità

ballard_la mostra delle atrocità

Libro dichiaratamente sperimentale e, direi, provocatorio.

Strepitosa la caduta dei confini tra spazio interno e spazio esterno… gli edifici non hanno pareti e e lo “spazio esterno” è un continuum con le stanze vissute e frequentate da personaggi folli.

Le geometrie e i piani dello spazio si innestano, continuano o irrompono sui lineamenti dei personaggi.

Molto sperimentale. E la cosa bella delle sperimentazioni è che solo i critici le possono apprezzare positivamente. Consiglio la lettura di questo libro sotto l’effetto degli allucinogeni (ma quelli sperimentali).

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/j-g-ballard-la-mostra-delle-atrocita/

Sam Williams – Codice libero – Richard Stallman e la crociata per il software libero

Libro che ho preso a caso in seguito ad una ricerca sui libri “informatici” disponibili nella biblioteca elettronica di Reggio Emilia. La prima cosa che mi ha colpito è che il libro proviene da Wikisource e che è soggetto alla licenza “Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)“. L’edizione elettronica del libro (è presente anche una normale versione cartacea) può essere pagata con l regole vigenti per il software libero. L’editore O’Reilly & Associates ha deciso di distribuire il volume sotto la licenza GNU Free Documentation License.

codice libero e richard stallman

Poi mi interessava l’argomento… ma mi spaventava l’idea di leggere una biografia.

Alla fine l’ho letto sotto l’ombrellone

Prima di trascrivere le prime epiche righe del libro, devo anticiparvi che è stata una lettura fondamentale per la mia crescita personale, umana, culturale, informatica e spirituale. E non sto scherzando. Mi si è aperto un mondo. Ecco come si apre il libro:
È successo raramente nella storia, ma è successo, che in un momento in cui sembrava che le regole del gioco fossero immutabili, che i vincitori fossero imbattibili e i perdenti senza alcuna possibilità di riscatto, un uomo solo, assolutamente privo di potere, ricchezze, fama, bellezza, amicizie, un uomo qualunque della specie innumerevole dei perdenti, riuscisse a sovvertire le regole del gioco e a far saltare il banco. La storia raccontata in questo libro è la storia di uno di quegli eventi rari ed è la storia di un uomo eccezionale che nasce perdente e diventa vincente, che non è bello ma affascinante, che non è simpatico ma è adorato come un dio; non ha amicizie vere ma conta migliaia di ammiratori; mette i lunghi capelli in bocca o nel piatto ove sta mangiando ma è conteso ospite alla tavola dei ricchi e dei potenti; non sorride mai ma si traveste da santo mettendosi in testa, a mo’ di aureola, la superficie attiva di un hard disk della prima generazione; non ha i soldi per pagarsi una cena al ristorante ma ha sconvolto un mercato da migliaia di miliardi di dollari.

In questo libro c’è la vera essenza degli hacker e del loro mondo, delle loro caratteristiche e della loro storia passata e presente… perchè il significato è cambiato con l’arrivo dell’informatica di massa e dei personal computer. E si può arrivare, per estrapolazione, alla terza definizione di “cracker”.
Nella mia cultura, il termine “cracker” poteva indicare:

  • l’utilizzo di attacchi “brute force” o comunque invasivi e distruttivi verso sistemi informatici;
  • una persona abile nello sproteggere i programmi come rimuovere il limite temporale nei programmi a tempo, creare keygen e fare crack in modo da bypassare la presenza di “dongle” da collegare al pc.

Ma poi scopro che “la cultura hacker è caratterizzata da un rigoroso senso morale, per cui un vero hacker non danneggerebbe mai un sistema informativo o un programma applicativo; e da una istintiva vocazione per la fraternità, la solidarietà e l’uguaglianza” e allora scopro che se non segui queste regole sei un “cracker”. E questa è la terza definizione di “cracker”. Alla luce di questo aspetto e leggendo la biografia di Stallman, possiamo dire che lui sia un grandissimo hacker… questo aspetto fa passare in secondo piano la sua incredibili capacità come programmatore.

Una cosa è certa… se indossi una cravatta non sei sicuramente un hacker perchè la cravatta viene definita come uno “strangling device” che riduce l’irrorazione cerebrale che si indossa insieme al “suit” che è uno scomodo abito da lavoro.

In questo libro c’è tutto. Non solo la vita di Stallman ma anche tutta l’evoluzione di un mondo che in pochi conoscono. C’è l’informatica degli albori, di quando i computer non erano “personal” e occupavano intere stanze nelle principali università americane, c’è la nascita del software libero, del movimento “open source”, di GNU, di Linus Torvalds e di Linux, c’è la vita e le azioni di altri hacker famosi, c’è la cattedrale e il bazaar, c’è la lotta contro le grandi multinazionali dell’informatica e c’è la libertà.

Inoltre sono contento di aver trovato all’interno dei Jagon Files la conferma di quello che ho appreso nelle mie ricerche e nelle mie immersioni nel mondo digitale… ovvero quali sono le definizione del termine hacker che non corrispondo al vero. Come, ade esempio, il fatto che derivi dal verbo “to hack”… tagliare, fare a fette.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/sam-williams-codice-libero-richard-stallman-e-la-crociata-per-il-software-libero/

W. Gibson – La notte che bruciammo Chrome

Primo libro letto di William Gibson. Libro che è una raccolta di racconti di fantascienza cyberpunk. Diciamo che non rispecchia il mio concetto di racconto in quanto, dato il tempo limitato della lettura, mi aspetto una maggiore incisività e soprattutto un effetto sorpresa sul finale, ma forse perchè sono abituato ad autori come Bradbury ma soprattutto Poe che ha fatto dei finali e della costruzione del racconto una vera e propria filosofia di scrittura (leggasi il saggio Eureka)

notte_che_bruciammo_chrome

In ogni modo le ambientazioni e i personaggi sono interessanti, soprattutto considerando che viene considerato il capostipite del genere cyberpunk. Il libro si apre con il racconto “Johonny Mnemonico” (da cui è stato tratto un film con Keanu Reeves)… famoso ma il finale è a dir poco imbarazzante (l’ultima frase spezza le gambe a tutto il racconto). Altri racconti che mi sono piaciuti sono stati “Il continuum di Gernsback” e “New Rose Hotel”.

I due racconti finali scritti in collaborazione con Bruce Sterling (Stella rossa, orbita d’inverno) e Michael Swanwick (Duello) sono forse i più belli e quelli che ricordo con maggiore forza e intensità, però alla fine sono anche i due racconti che più si avvicinano alla fantascienza classica rispetto agli altri racconti presenti nel libro.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/w-gibson-la-notte-che-bruciammo-chrome/

S. Aliprandi – Creative Commons: manuale operativo

Dopo tanti libri,romanzi e racconti sono passato alla lettura del manuale operativo sulle Creative Commons, ovvero su quelle licenze creative a metà strada tra le opere con tutti i diritti riservati e le opere pubbliche. Una licenza che si posiziona tra il copyright (ovvero tutti i diritti riservati) e il pubblico dominio (ovvero nessun diritto riservato). Il manuale è di facile lettura e non si perde in inutili descrizioni legali ma spiega in modo chiaro e molto semplice cosa c’è dietro il Creative Commons, quali siano le motivazioni e l’ideale che stanno alla base di queste licenze e quali sono le applicazioni sia teoriche sia, soprattutto, pratiche.

E’ presente una spiegazione dettagliata degli attributi delle Creative Commons. È presente una sezione di FAQ (che rimandano direttamente al sito) e un intero capitolo dedicato a casi pratici.

Si conferma un testo veloce, una guida facile e immediata per chi vuole cercare di capire qualcosa di più sulle Creative Commons; sicuramente è molto utile per coloro che, come me, hanno un sito Internet, considerata la crescente importanza attribuita ai contenuti e alla loro protezione/diffusione.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/s-aliprandi-creative-commons-manuale-operativo/

Ray D. Bradbury – L’albero di Halloween

Non ho capito se si tratta di un libro breve o un racconto lungo. Sul mio ebook erano 88 pagine. Parte bene, con il solito simbolismo e i richiami alla festa preferita di Bradbury, però si perde un po’.

Tutto sommato noioso.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/ray-d-bradbury-lalbero-di-halloween/

J. G. Ballard – Un gioco da bambini

Libro molto breve che si legge in fretta.
Già dalle prime pagine il lettore può capire tranquillamente che il colpevole è il maggiordomo, ma la costruzione narrativa e i risvolti di critica sociale lo rendono piacevole e interessante da leggere.

In una società totalmente sana, l’unica libertà è la follia.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/j-g-ballard-un-gioco-da-bambini/

A. C. Clarke – 2001 odissea nello spazio

Durante la lettura di questo libro si è rotto il mio primo eBook reader Pocket Book Touch Lux e, per poterlo finire, ho deciso di compare il Kobo Aura 2… ma di questo parlerò in un altro articolo.

Nulla da dire… identico al film ma senza le lungaggini e i silenzi del film di Kubrick.

Solo il finale è completamente diverso… il finale del libro è potente, il finale del film è potentissimo.

S P E T T A C O L A R E

2001 odissea nello spazio

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/a-c-clarke-2001-odissea-nello-spazio/

Sebastian Raschka – Machine Learning con Python

Libro interessante ma, per quanto mi riguarda, poco pratico.

Questo libro parla delle principali tecniche di machine learning, ovvero:

  • apprendimento con supervisione
  • apprendimento senza supervisione
  • apprendimento di rafforzamento

Dopo una ampia ed esaustiva introduzione teorica, si inizia a parlare in Python e le librerie utilizzate sono:

  • NumPy
  • SciPy
  • scikit-learn
  • matplotlib
  • pandas.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/sebastian-raschka-machine-learning-con-python/

AA.VV. – Corso pratico di Arduino (3 moduli)

Giusto per curiosità ho acquistato tre libri editi da “Area 51 publishing” sul sistema Arduino e la possibilità di collegarci dispositivi di input/output e sulla relativa programmazione.

Per quanto riguarda il primo volume, dopo una introduzione veloce al sistema Arduino e all’utilizzo dell’IDE, il libro affronta i seguenti casi pratici:

  • far lampeggiare un LED
  • far lampeggiare 2 LED
  • leggere dati digitali da seriale
  • leggere dati analogici da seriale
  • accendere LED tramite pulsante
  • leggere segnali da fotoresistenza
  • accendere LED tramite fotoresistenza
  • LED RGB con regolazione manuale
  • comandare un servomotore
  • comandare un servo mediante potenziometro
  • comandare un servo mediante due pulsanti
  • LCD con Arduino
  • LCD e sensore di temperatura
  • comandare un motore passo passo
  • generare una melodia

alla fine del libro è presente un link dove poter scaricare tutti gli sketch presenti nel libro. Ogni sperimentazione è spiegata in modo non troppo approfondito ma permette ai neofiti di farsi un’idea sul funzionamento complessivo del sistema e rappresenta una buona base di partenza per ulteriori sviluppi o implementazioni. E’ presente anche una paginetta dedicata alla spiegazione dei colori utilizzati sulle resistenze per capire il valore della resistenza e la sua tolleranza.

Nel secondo libro, ovvero nel modulo intermedio, viene trattata la realizzazione di un modellino di auto radiocomandata gestita da Arduino con l’utilizzo di due motori elettrici comandati da remoto tramite un modulo bluetooth. Il progetto viene spiegato in modo approfondito e sono presenti molte pagine di codice ma non l’ho trovato particolarmente interessante.

Il terzo e ultimo volume, quello relativo agli argomenti più avanzati, è diviso in due sezioni (ogni sezione è lunga circa 20 pagine). Nella prima sezione vengono descritti in modo approfondito i vari sensori che possono essere collegati ad Arduino come i sensori di prossimità, le fotoresistenze, i sensori di temperatura e umidità. Nell’ultima parte viene presentato l’ambiente di sviluppo per App denominato App Inventor. Nel complesso nulla di che… il primo volume risulta di gran lunga il più interessante.

I 3 libri appena recensiti li ho acquistati in formato ePub… costano pochi euro e sono formati di una cinquantina di pagine ciascuno.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/aa-vv-corso-pratico-di-arduino-3-moduli/

P. K. Dick – Do android dream of electric sheep

Androidi, umani, animali e animali replicanti. Spunti davvero strepitosi e a tratti, la difficoltà di identificare cosa è umano e cosa è replicante, trascina il lettore dentro momenti epici. E in questi momenti il lettore deve distogliere gli occhi dal libro e guardarsi intorno. Poi può riprendere la lettura con la testa piena di domande.
E la cosa bella è che l’empatia può essere provata:
– solo da un umano
– da un androide che vuole passare per umano
– ma anche da un umano senza empatia che vuole passare per umano

Sicuramente non il miglior libro di Dick, ma meglio di:
La svasca sul sole
Dottor futuro (di poco)

Sicuramente non il miglior libro di Dick, ma peggio di:
Ubik
Lotteria dello spazio

android dream

Non l’ho detto fino alla fine, ma ovviamente da questo libro è stato tratto il film Blade Runner di Ridley Scott.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/p-k-dick-do-android-dream-of-electric-sheep/

A. C. Clarke – Le sabbie di Marte

Romanzo di formazione sulla falsariga dei promessi sposi… ma qui siamo su Marte anziché sulle rive del Lago di Como.
Umani (terrestri), umani (marziani) e marziani (veri). Sempre piacevole notare le competenze tecniche e scientifiche di Clarke.
Se la NASA leggesse questo libro saprebbe come fare per colonizzare Marte… altro che sonde a perdere…

le sabbie di marte

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/a-c-clarke-le-sabbie-di-marte/

H. G. Wells – La guerra dei mondi

E come direbbe Duke Nukem davanti ad un urinatoio:

“Ahh… much better…”

Qua ci siamo.  Dopo il primo approccio a Wells, leggendo “l’uomo invisibile”, la guerra dei mondi è veramente all’altezza delle aspettative.
Ritmo incalzante, bella narrazione… alieni tosti, spietati e quasi disinteressati vista la loro supremazia… il lettore viene letteralmente catapultato nell’azione dell’invasione aliena.
Ottimo libro.

la guerra dei mondi

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/h-g-wells-la-guerra-dei-mondi/

Douglas Adams – Guida galattica per gli autostoppisti

Una perfetta circolarità sistema tutti i tasselli al loro posto. Risulta strano trovare ironia in un testo di fantascienza. Alcuni capitoli li ho trovati pesantissimi oltre che assolutamente inutili, però il libro si legge con piacere, soprattutto nei capitoli finali.

Ho scoperto che si tratta del primo libro di quattro… penso che mi fermerò a questo.

Onore ai Topi bianchi.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/douglas-adams-guida-galattica-per-gli-autostoppisti/

Chuck Palahniuk – Gang bang

Pulp, molto pulp… pure troppo. Nulla di violento o particolarmente impressionante, però la descrizione di un evento visto da molteplici punti di vista rende la lettura lenta. Mi aspettavo qualcosina di più.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/chuck-palahniuk-gang-bang/

H. G. Wells – L’uomo invisibile

Decisamente troppo lento.  Perfetto per chi soffre di insonnia.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/h-g-wells-luomo-invisibile/