Maggio 2020 archive

Ridimensionare, rinominare e aggiungere un watermark con uno script BASH (zh_rrw.sh)

Chi ha un sito sa bene che caricare le immagini è sempre un mezzo dramma.

Occorre ridimensionare le immagini perchè le attuali macchine fotografiche o i cellulari e i tablet fanno foto grandi come lenzuoli e con pesi (in MB) che non sono sempre comodi da uploadare (e da visualizzare sul sito).

Poi bisogna rinominare i file in modo da gestirli meglio… ma se i file sono molti diventa una scocciatura. Si possono usare programmi per il “rename” massivo, ma non sono sempre pratici.

Poi è carino aggiungere un watermark. E non sempre i programmi che usiamo per rinominare i file in modo massivo hanno questa funzionalità.

Per gestire le foto del mio sito usavo questa strategia:

  • rinominavo le foto a mano (con il tasto funzione F2 in ambiente Linux);
  • ho installato un plugin su WordPress in modo da ridimensionare la foto appena caricata in modo da ridimensionarla secondo una certa dimensione massima
  • poi ho installato un altro plugin su WordPress in modo da aggiungere automaticamente un watermark all’immagine. Il problema è che la dimensione del testo del watermark era fissa e non dipendeva dalle dimensioni dell’immagine caricata. Quindi a volte la scritta era microscopica, mentre altre volte enorme

Poi cercando in internet una soluzione migliore (e che magari mi facesse smacchinare un po’) ho trovato ImageMagick e tutti i suoi comandi per realizzare uno script da eseguire. Di seguito trovate il codice dello script perfettamente funzionante e con i commenti delle principali funzioni.

#!/bin/bash
echo "******************************************"
echo "* Script per ridimensionare, rinominare  *"
echo "* e aggiungere un watermark alle foto    *"
echo "* in modo massivo.                       *"
echo "*   Andrea Rustichelli - Dicembre 2019   *"
echo "*      www.andrea.rustichelli.name       *"
echo "******************************************"

echo "Inserisci il nome per i nuovi files..."
read file_name
echo "Ok, procedo a rinominare i file in: " $file_name

count=0
#scorre tutti i file .jpg presenti nella cartella dello script
for each in *.jpg
 do
  echo "Inizio elaborazione file "$each"..."
  #incrementa il contatore da utilizzare come suffisso del nome del file
  count=`expr $count + 1`
  echo $count
  #il contatore viene convertito su 3 cifre in modo da poter ordinare fino a 999 immagini con lo stesso nome
  count3d=$(printf "%03d" $count)
  #viene composto il nome del file di output
  file_out="$file_name"_"$count3d".jpg
  
  #questo comando di ImageMagick converte il file in modo che la dimensione massima del lato più lungo
  #sia impostato a 1024 pixel... il lato più corto viene ridimensinato di conseguenza per mantenere le
  #proporzioni dell'immagine
  convert -resize 1024x1024\> "$each" "$file_out"
  #questo comando di ImageMagick serve per creare il watermark con la scritta "andrea.rustichelli.name"
  #nalla parte bassa dell'immagine ridimensionata
  convert "$file_out" -pointsize 35 -fill white -undercolor '#00000080' -gravity South -annotate +0+5 'andrea.rustichelli.name' "$file_out"

  #il file originale viene spostato nella sottocartella chiamata "original_file", mentre il 
  #file di output viene spostato nella nella sottocartella chiamata "thumb"
  mv "$each" ./original_file
  mv "$file_out" ./thumb
 done
echo "Elaborazione terminata!"
exit

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/ridimensionare-rinominare-e-aggiungere-un-watermark-con-uno-script-bash-zh_rrw-sh/

Estrazione dati da vecchi HDD: da SATA a USB

L’opera di recupero dati prosegue… ma considerato che adesso mi sono rimasti solamente dei dischi con interfaccia SATA sia per l’alimentazione sia per i dati, ho deciso di fare un acquisto incauto su Ebay… un adattatore da SATA a USB (doppia USB per garantire una maggiore stabilità) dall’incredibile costo di € 9,90.

Oltre che per questa attività di recupero dati su HDD da 3.5 pollici sarà molto comodo per gestire come unità esterne i miei dischi da 2.5 pollici (ricavati da vecchi pc portatili).

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/estrazione-dati-da-vecchi-hdd-da-sata-a-usb/

Estrazione dati da vecchi HDD: il coltellino svizzero

Coltellino svizzero perchè è un tool con tutti gli standard in un unico strumento, ma in realtà, a differenza del coltellino originale, è uno strumento ben poco compatto e portatile. Ma andiamo con ordine.

Ho voluto riesumare tutti i miei vecchi dischi fissi (o HDD o ancora HD) per vedere se riesco ad estrarre i dati cancellati nel corso delle varie formattazioni usando due strumenti come TestDisk e PhotoRec.

Sul mio vecchio computer fisso, nome in codice Giove, erano presenti 3 dischi fissi di dimensioni decenti, che però oggigiorno sembrano completamente sottodimensionati. Avevo 3 dischi da 3.5 pollici da 10, 120 e 320 GB (potrei anche sbagliarmi di qualche GB, ma la sostanza non cambia). Nel disco da 120 GB era installato il sistema operativo (il disco ha ospitato molteplici sistemi operativi, ma quelli ufficiali sono stati Windows 98 e Windows XP) e in una seconda partizioni i dati. Nel disco da 320 GB c’era una unica partizione con i dati “grossi” (musica, film e file di backup), mentre il disco da 10 GB (denominato Limbo) era utilizzato per stoccare i file in attesa di lavorazione.

Bene ciò premesso ho rispolverato un vecchio dispositivo acquistato alla Fiera dell’Elettronica di Gonzaga che permette di alimentare e di collegare i dischi alla porta USB di un computer per poter accedere ai dati contenuti sul disco come se fosse una qualsiasi unità rimovibile.

L’alimentatore termina con un connettore Molex (per alimentare i dischi più vecchi) ma è presente anche una prolunga che permette di alimentare anche i dischi con il connettore SATA (di più recente introduzione).

Invece il cavo USB da collegare al computer si collega ad un adattatore che presenta due attacchi IDE (o ATA) ma che presenta anche una porta per collegarci un cavo dati SATA nel caso si volesse interfacciare un disco con questo standard.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/estrazione-dati-da-vecchi-hdd-il-coltellino-svizzero/

Arcade stick (a.k.a. joystick) DIY con scatola di Barolo

Su Amazon ho comprato un kit con il joystick, i pulsanti e la basetta USB da collegare al pc (o al raspberry) e l’involucro di plastica per il joystick già preforato. Visto che è arrivato prima il kit rispetto all’involucro di plastica, ho deciso di provare comunque ad assemblare l'”arcade stick” utilizzando una scatola di legno di Barolo da tempo giacente in cantina (ovviamente le bottiglie erano già state bevute).

Il kit “arcade stick” comprende 8 pulsanti di circa 3 cm (4 colorati e 4 neri), 2 pulsanti neri più piccoli, il joystick (con 3 adattatori per “guidare” il movimento su 4, 8 direzioni o libero) la basetta con tutti gli attacchi, il cavo di collegamento usb e tutti i altri cavetti per collegare i tasti e il joystick alla basetta.

E’ bastato utilizzare un trapano avvitatore con le punte a tazza di due diverse dimensioni per praticare i fori necessari al montaggio dei pulsanti e del joystick. I pulsanti sono entrati abbastanza facilmente e la scatola di legno essendo abbastanza sottile ha permesso ai pulsanti di incastrarsi nell’apposito fermo senza nessun problema. Solamente per fissare il joystick è stato necessario praticare quattro piccoli fori con il trapano per permettere l’inserimento delle viti e dei dadi per fissare la struttura del joystick alla scatola di legno.

Per il fissaggio ho usato 4 viti, 8 rondelle (una sopra e una sotto la scatola di legno) e 8 bulloncini (perché su consiglio del Maffo ho utilizzato il primo bullone per fissare il joystick al legno ma senza stringere troppo, poi un secondo bulloncino in modo da fissare e bloccare il primo). In questo modo, pur senza fare troppa pressione sulla struttura di legno, il joystick dovrebbe essere sufficientemente saldo da resistere anche alle sessioni di gioco più intense.

Il risultato è quello che si vede in foto. I pulsanti non sono perfettamente allineati (su internet è possibile trovare delle maschere da utilizzare come riferimento per praticare i fori per i pulsanti e per il joystick). I pulsanti però sono stati disposti per soddisfare egregiamente l’ergonomia della mia mano e delle mie dita.

Una volta inseriti i pulsanti e dopo aver fissato il joystick, li ho collegati alla basetta tramite i cavi di sollegamento presenti nel kit. Ho installato i 4 pulsanti colorati alle porte K1, K2, K3 e K4, i due pulsanti neri grandi li ho collegati alle porte K11 e K12, mentre i due pulsanti più piccoli (uno per inserire i gettoni e uno per il player one) li ho collegati alle porte ST e SE. Comunque, a prescindere dalle porte utilizzate, una volta avviato EmulationStation è possibile configurare i tasti a proprio piacimento.

La qualità dei tasti non è eccelsa… dato il prezzo non mi aspettavo nulla di particolare. I tasti sono bombati (l’ideale sarebbero i pulsanti concavi come quelli delle vere sale giochi degli anni ’80 e ’90) e il tutto risulta molto rumoroso a causa dei microswitch. I pulsanti però hanno un ingombro veramente molto ridotto come si può notare anche dalle foto e il joystick sembra ben strutturato (confermato anche dal peso notevole).

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/arcade-stick-a-k-a-joystick-diy-con-scatola-di-barolo/