Ottobre 2017 archive

Edgar A. Poe – Le avventure di Gordon Pym

Un perfetto incrocio di:

  • Quark
  • Passaggio a nord-ovest
  • Mistero
  • Voyager
  • Linea blu

dove il filo conduttore sono le avventure tragicomiche di un certo Gordon Pym.

Poe è stato uno degli scrittori che mi ha maggiormente influenzato nel corso della adolescenza e lo considero un genio (non a caso ha “inventato” due generi letterari), ma mentre nei racconti e nelle poesia la sua “pesantezza” viene stemperata, in questo romanzo diviene insopportabile. Lo consiglio solamente agli appassionati di antichi velieri e ornitologi (o comunque studiosi di pinguini).

le avventure di gordon pym

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/edgar-a-poe-le-avventure-di-gordon-pym/

Il miglior nocino è di Rustichelli

Cosa si può aggiungere ad un titolo così esplicativo.

Vicitore nel 2016 del 16° Palio del Nocino promosso dalla Compagnia del Nocino di Fabbrico e dall’Associazione Italiana Somelliers. Ecco alcuni articoli usciti sulla stampa locale.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/il-miglior-nocino-e-di-rustichelli/

Chuck Palahniuk – Fight Club

Finalmente si inizia a ragionare. Il libro sembra scritto in maniera scomposta, però risulta in linea con quello che ci si aspetta (o per lo meno che mi aspettavo io). Il nichilismo, l’autodistruzione, la lotta contro il conformismo e le regole imposte vengono trattati in modo molto originale dall’autore, anche se mi aspettavo un maggior impatto emotivo. Ciò non toglie che sia un libro assolutamente originale e, a tratti, veramente indimenticabile. Forse la storia perde un po’ di mordente verso la fine… c’è un crescendo che non culmina con evento di impatto anche se le pagine finali lasciano intravedere una speranza inattesa.

Questa sarebbe stata la recensione del libro se non lo avessi riletto… ma andiamo con ordine.

5 Luglio 2017 ricevo un messaggio da Maio: “Ho letto il post e pensavo di seguire il tuo consiglio e ignorarlo… ma sono molto tentato di leggerlo visto che fight club conserva un posto nel mio cuore. Attendo news sul tuo sito anche se non ho capito cosa vuoi fare…”

11 Luglio 2017 mando questo messaggio: “Allora lo rileggo… la prima volta non mi aveva entusiasmato”

Poco dopo Maio mi risponde: “L’entusiamo che genera è inversamente proporzionale alla qualità della vita del lettore”

Ecco la recensione riveduta e corretta.

Finalmente si inizia a ragionare. Il libro sembra scritto in maniera scomposta, ma non è affatto vero.  Il libro supera tutte le mie aspettative e tratta tutti (e anche di più) i temi che mi aspettavo: il nichilismo, l’autodistruzione, la lotta contro il conformismo e le regole imposte. Libro di assoluto impatto… frasi e scene che rimangono scolpiti nella mente e negli occhi del lettore. Il libro è un crescendo di organizzazione metodica del caos e di inaspettata perdita di controllo. Non vi svelo il finale, anche se le ultime pagine lasciano intravedere una speranza inattesa.

fight club

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/chuck-palahniuk-fight-club/

Niccolò Ammaniti – Ti prendo e ti porto via

Un libro sulle scelte sbagliate degli adolescenti… certo che il paese in questione è proprio sfortunato e spero che sia un nome del tutto inventato, altrimenti ci sarebbe da scappare come nei peggiori paesi infestati dagli spiriti o contaminati dalle sostanze tossiche.

Diciamo che il libro è bello.
Diciamo che la storia è intrecciata bene.
Diciamo che il paese è veramente sfortunato (per usare un eufemismo).
Diciamo che a scuola la vita è sempre stata dura.
Diciamo che non sempre si arriva a questo epilogo di gioia e di ilarità.
Diciamo che a volte la serenità interiore ti può salvare la vita.
Diciamo che a volte, essere semplici, essere senza aspirazioni, essere senza sentimenti, può aiutare.

Diciamo.

ti prendo e ti porto via

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/niccolo-ammaniti-ti-prendo-e-ti-porto-via/

Dalla seggiovia di Febbio al rifugio Armaduk a 1.500 metri

Percorso che parte dalla base delle seggiovie di Febbio e che arriva al rifugio Armaduk a 1.500 seguendo il tracciato delle piste da sci. Ovviamente la pendenza in certi tratti è molto dura, ma durante il percorso è possibile ammirare il panorama della vallata. Per non esagerare il ritorno è stato fatto utilizzando la seggiovia.

Permanent link to this article: http://www.andrea.rustichelli.name/dalla-seggiovia-di-febbio-al-rifugio-armaduk-a-1-500-metri/