“Hello World”… le prime parole di ogni programma (in tutti i linguaggi di programmazione)

Chiunque abbia mai programmato in un qualsiasi linguaggio di programmazione lo sa!
La prima cosa da fare è imparare come scrivere “Hello World” (a prescindere dal fatto che lo “standard output” sia il monitor, una pagina web o una stampante).

Sul sito The Hello World Collection c’è la più vasta raccolta di linguaggi di programmazione e di esempi su come un nuovo programma debba salutare il mondo alla nascita.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/hello-world-le-prime-parole-di-ogni-programma-in-tutti-i-linguaggi-di-programmazione/

SSG – Static Site Generators

Come dicevo nel post sul manuale GitHub di A. Pipinellis, dopo aver letto di Jekyll, ho voluto approfondire il tema degli Static Site Generator, ovvero di programmi/applicazioni che servono per generare siti statici (in contrapposizione a quelli dinamici, generalmente appoggiati a database SQL come Joomla, Drupal o Word Press).
Le differenze le potete intuire o trovare facendo una ricerca sul vostro motore di ricerca preferito.
Io ho utilizzato come base di partenza il sito staticgen.com per avere un elenco aggiornato degli SSG disponibili e valutare velocemente le loro caratteristiche. Ho installato una macchina virtuale su VirtualBox con la versione 20 di Ubuntu per fare qualche test senza sporcare la mia distribuzione di Linux Mint e ho provato a installare i seguenti SSG:

  • Jekyll: ho dovuto installare tutti i prerequisiti (ruby, gems, gcc e make) e poi ho potuto finalmente installare il pacchetto Jekyll (https://jekyllrb.com/docs/installation/ubuntu/)… poi ho eseguito il comando per creare un nuovo sito… errore… F**K
  • Hugo: installato con il comando “sudo apt-get install hugo”… sono riuscito fin da subito ad eseguire il comando per creare un nuovo sito. Bene, proverò a perderci un po’ di tempo.
  • Gatsby: come prima cosa è necessario evidenziare che non è completamente gratuito… sul sito è presente una sezione “Pricing”… e poi non ho neanche capito come installarlo… F**K

Poi ho avuto un’altra illuminazione… anzichè utilizzare un SSG perchè non provo ad utilizzare un CMS senza database (o Flat-File CMS). Adesso ho scaricato GRAV e nutro grandi aspettative… perchè?

  • perchè sembra un giusto compromesso tra i siti dinamici (Word Press, Drupal, ecc) e gli SSG (raccolte di pagine statiche)
  • ogni pagina/articolo è una cartella (e dentro c’è il testo, immagini e eventuali altri file)
  • ha una interfaccia opzionale di amministrazione
  • ha temi carini (non tanti ma molto vari tra di loro)
  • pochi plugin che, a volte, è un vantaggio rispetto al mare di plugin disponibili per WP.

So cosa vi state chiedendo: “Ma gli SSG sono la stessa cosa dei Flat-File CMS (o DB Free)?”
Adesso vi rispondo velocemente: no. Però se cercate meglio su internet potete trovare delle risposte con maggiori approfondimenti e dettagli a supporto di questa risposta.

Alla fine Grav è un CMS dinamico, che a differenza degli SSG non è una mera raccolta di pagine statiche, e a differenza degli altri CMS non ha bisogno di un database ed è più a misura di uomo…

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/ssg-static-site-generators/

Ray D. Bradbury – Il popolo dell’autunno

Libro letto la prima volta alle superiori.. avevo preso il libro in prestito alla Biblioteca di Campagnola… nella sezione adulti al primo piano della vecchia sede (quella storica). Era nel sottotetto… ambiente ovattato e buio… grande tavolone di legno scuro centrale e tutto intorno scaffali con le letture più interessanti presenti tra la sterminata collezione di libri. Stop alla rievocazione.

Inutile dirlo… è stata una delle letture più belle dei miei primi 20 anni.

Poi in occasione di un regalo ho deciso di omaggiare la festeggiata (appassionata di passioni) con questo libro… ho lascito anche una veloce recensione (che c’è tutt’ora).

Recentemente l’ho riletto, per vedere se l’entusiasmo e la magia era frutto della giovane età o se è veramente il libro che merita… inutile dire che è il libro che merita. Anche dopo 20 anni ho trovato le stesse atmosfere e le stesse allegorie che mi hanno conquistato… che mi hanno catapultato in un piccolo angolo di America nascosta e segreta dove forze impari si sono scontrate in un’avvincente susseguirsi di colpi di scena e di astuzia.
D’altronde uno che scrive “Era bionda come il mattino e fresca come i fiori di domani, e incantevole come qualsiasi fanciulla quando un uomo chiude gli occhi e l’imprigiona, in una perfezione di cammeo, nella conchiglia delle sue palpebre” merita tutto il mio rispetto.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/ray-d-bradbury-il-popolo-dellautunno/

Arhur C. Clarke – Le guide del tramonto

Era un po’ di tempo che avevo inserito questo titolo tra i preferiti all’interno della biblioteca on line della Biblioteca di Reggio Emilia perchè è dello stesso autore di 2001 odissea nello spazio, ma non ero ancora riuscito a scaricarlo e, soprattutto, leggerlo.
Poi ho visto in televisione la pubblicità della serie televisiva chiamata “Childood’s end” (come una canzone degli Iron Maiden) e mi sono incuriosito vedendo il trailer e sono andato su internet a fare un po’ di ricerche. Ho letto che il telefilm (di pochi episodi, 3 se non sbaglio) era appunto tratto dal libro le guide del tramonto e allora mi sono deciso a scaricarlo.

Una volta iniziato è stato difficile staccarsi e l’ho letto veramente in poco tempo. Cosa dire?
Per me è stato strepitoso. Per la prima volta gli alieni portano benessere e pace, ma a quale costo? Il libro abbraccia 2 secoli di storia (futura ovviamente) all’interno dei tre capitoli che compongono il libro (1. La terra e i Superni, 2. L’età dell’oro e 3. L’ultima generazione).
Il finale è spiazzante (al pari della rivelazione dell’aspetto degli alieni).

Non è che alla fine si stava meglio quando si stava peggio?

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/arhur-c-clarke-le-guide-del-tramonto/

La mia prima CPU – il “protopentium” Intel DX4

Il primo computer mi è stato regalato durante i primi anni delle superiori da mia nonna (era circa il 1993/1994). L’acquisto fu fatto alla Computer Line di Reggio Emilia che, all’epoca, era la boutique dell’informatica in provincia.

C’erano ancora le lire e i pc erano ancora abbastanza costosi, soprattutto alcuni componenti che adesso hanno un costo irrisorio (come i lettori CD-rom). Mi ricordo infatti che per non gravare troppo sul costo del regalo ho deciso di non comprare subito il lettore e demandare l’acquisto ad un momento futuro (poi mai acquistato). Anche se in realtà per il mio PC non comprai mai un lettore CD da inserire nel case, ma ne trovai uno abbastanza grosso (per intenderci delle dimensioni di un videoregistratore) che potevo collegare al mio computer tramite la porta parallela.
La RAM e il disco fisso erano ancora misurabili in MB e la scheda grafica VGA era fantascienza. Il computer montava il sistema operativo MS-DOS (la versione 5 e poi la versione 6) e avevo installato Microsoft Windows 3.11 for Workgroup (che a differenza della precedente versione Windows 3.1 includeva anche il supporto per le nascenti reti… da qui la definizione “for workgroup”). Il PC si avviava e veniva subito mostrata la shell DOS; per avviare Windows (che all’epoca era un programma e non un vero e proprio sistema operativo) era necessario lanciare il comando win.

In quel periodo stava uscendo sul mercato anche il mitico processore Intel Pentium (non chiamato 586 per motivi di marketing / problemi con i concorrenti come AMD) che però, le prime versioni, presentavano un famoso bug “Pentium FDIV bug”. L’ho definito mitico perchè è stato il primo processore “di massa” che ha portato (insieme a Windows 95) il PC dentro le case delle famiglie.
Per questo motivo mi piaceva chiamare il mio processore un “proto-pentium” perchè era l’ultima versione della famiglia 486 prima dell’avvento della famiglia 586.

Il processore 486DX4 era la versione a 100 MHz (frequenza a 33,3 MHz con un moltiplicatore pari a 3) a 32 bit con una cache di 1° livello di 8 kb.

Case e monitor erano del classivo colore “grigio apparato informatico” che tanto andava di moda.

Ho smanettato molto con questo PC e, sebbene molto arretrato come performace rispetto agli attuali personal computer, mi ha permesso di esplorare a fondo il mondo dell’informatica. Negli strumenti di programmazione che utilizzavo durante le superiori (come i compilatori / IDE della Borland) erano infatti disponibili numerosi programmi per lavorare a basso livello con i sorgenti e le DLL. Se non ricordo male era già possibile installare le prime versioni di DOOM e DOOM 2 (della ID Software) su 5/8 floppy disk.

Insomma… un inizio con il botto…

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/la-mia-prima-cpu-il-protopentium-intel-dx4/

A. Pipinellis – GitHub

Si lo so, il nome dello scrittore sembra uno scherzo… e invece non lo è…
Lettura veloce di circa 70 pagine che descrive in modo molto pratico l’utilizzo di GitHub per la creazione e la condivisione di progetti software all’interno della piattaforma che ormai spadroneggia su tutti i fronti.
Non si sa mai che prima o poi voglia pubblicare qualcosa da lasciare sviluppare a programmatori più seri di me… d’altronde “Quando hai perso interesse in un programma, l’’ultimo tuo dovere è passarlo a un successore competente.” (cit. La cattedrale e il bazaar di Eric Raymond)


I capitoli sono:

  1. Repository e uso dell’issue tracker
  2. Usare il wiki e gestire le versioni del codice
  3. Gestire organizzazioni e team
  4. Collaborazione con il flusso di lavoro di GitHub
  5. GitHub Pages e Web Analytics
  6. Le impostazioni degli utenti e dei repository

Tra le altre cose che ho portato a casa da questo manuale è la possibilità di usare strumenti dedicati alla creazione di siti web statici per i propri progetti personali o blog. Nel testo si cita Jekyll in quanto è stato sviluppato (almeno inizialmente) da uno dei fondatori di GitHub, anche se su internet è possibile trovare una moltitudine di programmi simili (come ad esempio Hugo e Gatsby). Mi incuriosiscono, vorrei approfondire l’argomento ma non so se avrò tempo e soprattutto se il gioco vale la candela (ovvero il tempo investito nello smacchinarci).

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/a-pipinellis-github/

Dato vs. Informazione

Ipotizziamo di indossare un orologio particolarmente evoluto che, ogni ora, identifica la nostra posizione e legge a voce alta la temperatura esterna.
Ogni ora ci comunica la temperatura esterna.
La temperatura esterna è un dato.
A che ora il dato diventa informazione?
Dipende.
Da cosa dipende?
Dipende a che ora ci stiamo vestendo per uscire. Solo in quel momento il dato della temperatura esterna diventa informazione perchè ci permette di attuare una scelta su quali vestiti indossare in funzione della temperatura esterna.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/dato-vs-informazione/

Eric S. Raymond – La cattedrale e il bazaar

La cattedrale e il bazaar di Eric Steven Raymond è un testo (o saggio… ma mi sembra eccessivo) del 1997 dove Raymond, utilizzando come esempio lo sviluppo del software fetchmail (sviluppato dallo stesso Raymond), analizza il successo della metodologia di sviluppo software introdotte la Linus Torvald per il progetto Linux, in contrasto al paradigma di programmazione “a cattedrale” in voga in gran parte del mondo commerciale (ma anche all’interno della stessa Free Software Foundation di Stallman di cui Raymond era un “seguace”). L’analisi dei due modelli viene condotta confrontando le diverse modalità di interpretare l’attività di debugging.

Al di là dei tecnicismi però ci sono degli spunti molto interessanti che scorrono costantemente su due binari paralleli: da un parte Raymond con il suo software fetchmail e sull’altro binario Torvalds con Linux e la grande rivoluzione del software open source.

Stallman storcerebbe il naso ad una simile definizione… preferirebbe “free software”… ma d’altronde HURD non ha ancora visto la luce…

Ed ecco le 19 regole che emergono, come capisaldi, dal nuovo paradigma del bazaar:

  1. ogni buon lavoro software inizia dalla frenesia personale di uno sviluppatore.
  2. I bravi programmatori sanno cosa scrivere. I migliori sanno cosa riscrivere (e riusare).
  3. “Preparati a buttarne via uno; dovrai farlo comunque.” (Fred Brooks, “The Mythical Man-Month”, Capitolo 11)
  4. Se hai l’atteggiamento giusto, saranno i problemi interessanti a trovare te.
  5. Quando hai perso interesse in un programma, l’ultimo tuo dovere è passarlo a un successore competente.
  6. Trattare gli utenti come co-sviluppatori è la strada migliore per ottenere rapidi miglioramenti del codice e debugging efficace.
  7. Distribuisci presto. Distribuisci spesso. E presta ascolto agli utenti.
  8. Stabilita una base di beta-tester e co-sviluppatori sufficientemente ampia, ogni problema verrà rapidamente definito e qualcuno troverà la soluzione adeguata.
  9. Meglio combinare una struttura dati intelligente e codice non eccezionale che non il contrario.
  10. Se tratti beta-tester come se fossero la risorsa più preziosa, replicheranno trasformandosi davvero nella risorsa più preziosa a disposizione.
  11. La cosa migliore, dopo l’avere buone idee, è riconoscere quelle che arrivano dagli utenti. Qualche volta sono le migliori.
  12. Spesso le soluzioni più interessanti e innovative arrivano dal fatto di esserti reso conto come la tua concezione del problema fosse errata.
  13. “La perfezione (nel design) si ottiene non quando non c’è nient’altro da aggiungere, bensì quando non c’è più niente da togliere.” Antoine de Saint-Exupèry (aviatore e designer di aerei, quando non scriveva libri per bambini)
  14. Ogni strumento dovrebbe rivelarsi utile nella maniera che ci si attende, ma uno strumento davvero ben fatto si presta ad utilizzi che non ci si aspetterebbe mai.
  15. Quando si scrive del software per qualunque tipo di gateway, ci si assicuri di disturbare il meno possibile il flusso dei dati – e mai buttar via alcun dato a meno che il destinatario non ti ci costringa.
  16. Quando il linguaggio usato non è affatto vicino alla completezza di Turing, un po’ di zucchero sintattico può esserti d’aiuto.
  17. Un sistema di sicurezza è sicuro soltanto finché é segreto. Meglio diffidare degli pseudo-segreti.
  18. Per risolvere un problema interessante, comincia a trovare un problema che risvegli il tuo interesse.
  19. Stabilito che il coordinatore dello sviluppo abbia a disposizione un medium almeno altrettanto affidabile di Internet, e che sappia come svolgere il ruolo di leader senza costrizione, molte teste funzionano inevitabilmente meglio di una sola.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/eric-s-raymond-la-cattedrale-e-il-bazaar/

Retropie – Parte 2: configurare l’SSH

Uno dei motivi che mi hanno fatto propendere per l’utilizzo di Retropie al posto di Recalbox è che con Retropie è possibile attivare e configurare il protocollo SSH; in questo modo è possibile collegarsi al sistema anche da remoto con un altro pc sulla stessa rete ed operare quindi direttamente sul sistema senza dover sempre togliere e mettere la scheda microsd.

Per abilitare l’SSH è necessario andare nel menù di configurazione
“Raspi-Config” ed entrare nella voce “Interfacing options” dove c’è proprio una voce dedicata al protocollo SSH (che ovviamente è da abilitare). Per conoscere l’indirizzo IP a cui collegarsi è sufficiente entrare nel menù di configurazione e selezionare “Show IP”… semplicissimo. Ovviamente il Raspberry e il pc devono essere collegati alla stessa rete.

Una volta attivato il protocollo SSH è possibile eseguire, ad esempio, PuTTYSSH Client e inserire l’indirizzo IP del nostro Rasbperry con installato Retropie… una volta aperta la sessione SSH inserire username (pi) e password (raspberry) ed eccoci alla console…

Ovviamente appena si inizia a lavorare direttamente con il protocollo SSH diventa chiaro che dover digitare sempre la password dell’utente root non è affatto pratico. Per questo motivo è necessario configurare il sistema in modo che l’utente root venga abilitato ad operare con tale protocollo. In questo modo è possibile impartire i comandi (o operare dalla sessione grafica) direttamente con i permessi di root senza dover eseguire il comando sudo. Ma vediamo come fare modificando opportunamente il file /etc/ssh/sshd_config.

sudo nano /etc/ssh/sshd_config

modificare la riga

 PemitRootLogin without-password

in modo che diventi

 PermitRootLogin yes

Salvare il file premendo Ctrl X e confermare la sovrascrittura del file. A questo punto è possibile impostare la password per l’utente root con il comando:

sudo passwd root

inserire la nuova password e confermarla nuovamente.

Per rendere effettiva la modifica è necessario riavviare il sistema o tramite l’interfaccia grafica oppure con il comando:

sudo shutdown -r now

Le modalità di collegamento, una volta abilitato il protocollo SSH, sono molteplici:

  • è possibile utilizzare PuTTY SSH Client
  • è possibile selezionare File -> Connetti al server dal window manager di Cinnamon
  • è possibile creare una sessione SSH con Remmina
Un esempio di sessione SSH configurata con Remmina

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/retropie-parte-2-configurare-lssh/

Retropie – Parte 1: l’installazione

Decido di fare una installazione di Retropie sul mio Raspberry partendo da 0 e cercando di modificare e personalizzare l’installazione dei vari emulatori e dei giochi.

Questa volta ho scaricato l’immagine retropie-4.5-rpi2_rpi3.img.gz dal sito ufficiale e l’ho decompressa. Questa volta per copiare l’immagine su scheda micro SD ho deciso di utilizzare il programma già presente nella distro Linux Mint anziché utilizzare il comando dd.

Dopo aver copiato l’immagine sulla scheda SD è necessario inserirla nel Raspberry e avviarlo per completare l’installazione. Al termine dell’installazione e al primo riavvio, EmulationStation rileva l’eventuale gamepad o joystick collegato al Raspberry e presenta subito la procedura guidata per la configurazione in modo da poter utilizzare subito il nuovo sistema.

Consiglio: quando si configura il joypad è opportuno configurare il tasto Hotkey con il tasto Select; in questo modo premendo contemporaneamente il tasto Select e il tasto Start si esce da ogni gioco.

Se si hanno problemi con l’audio collegando il Raspberry al televisore utilizzando un cavo HDMI (e quindi sfruttando la funzionalità di “pass-through”) è necessario togliere il commento dalle seguenti righe presenti nel file /boot/config.txt eseguendo la combinazione di comandi:

sudo nano /boot/config.txt

e togliere il commento dalle righe (ovvero togliere il carattere iniziale #)

hdmi_drive=2
hdmi_force_hotplug=1
hdmi_force_edit_audio=1

riavviare il sistema.

Consiglio: se dopo l’installazione del sistema Retropie funziona correttamente, NON FARE (e ripeto NON FARE) nessun aggiornamento del sistema. Può solo rendere il sistema più instabile.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/retropie-parte-1-linstallazione/

Ridimensionare, rinominare e aggiungere un watermark con uno script BASH (zh_rrw.sh)

Chi ha un sito sa bene che caricare le immagini è sempre un mezzo dramma.

Occorre ridimensionare le immagini perchè le attuali macchine fotografiche o i cellulari e i tablet fanno foto grandi come lenzuoli e con pesi (in MB) che non sono sempre comodi da uploadare (e da visualizzare sul sito).

Poi bisogna rinominare i file in modo da gestirli meglio… ma se i file sono molti diventa una scocciatura. Si possono usare programmi per il “rename” massivo, ma non sono sempre pratici.

Poi è carino aggiungere un watermark. E non sempre i programmi che usiamo per rinominare i file in modo massivo hanno questa funzionalità.

Per gestire le foto del mio sito usavo questa strategia:

  • rinominavo le foto a mano (con il tasto funzione F2 in ambiente Linux);
  • ho installato un plugin su WordPress in modo da ridimensionare la foto appena caricata in modo da ridimensionarla secondo una certa dimensione massima
  • poi ho installato un altro plugin su WordPress in modo da aggiungere automaticamente un watermark all’immagine. Il problema è che la dimensione del testo del watermark era fissa e non dipendeva dalle dimensioni dell’immagine caricata. Quindi a volte la scritta era microscopica, mentre altre volte enorme

Poi cercando in internet una soluzione migliore (e che magari mi facesse smacchinare un po’) ho trovato ImageMagick e tutti i suoi comandi per realizzare uno script da eseguire. Di seguito trovate il codice dello script perfettamente funzionante e con i commenti delle principali funzioni.

#!/bin/bash
echo "******************************************"
echo "* Script per ridimensionare, rinominare  *"
echo "* e aggiungere un watermark alle foto    *"
echo "* in modo massivo.                       *"
echo "*   Andrea Rustichelli - Dicembre 2019   *"
echo "*      www.andrea.rustichelli.name       *"
echo "******************************************"

echo "Inserisci il nome per i nuovi files..."
read file_name
echo "Ok, procedo a rinominare i file in: " $file_name

count=0
#scorre tutti i file .jpg presenti nella cartella dello script
for each in *.jpg
 do
  echo "Inizio elaborazione file "$each"..."
  #incrementa il contatore da utilizzare come suffisso del nome del file
  count=`expr $count + 1`
  echo $count
  #il contatore viene convertito su 3 cifre in modo da poter ordinare fino a 999 immagini con lo stesso nome
  count3d=$(printf "%03d" $count)
  #viene composto il nome del file di output
  file_out="$file_name"_"$count3d".jpg
  
  #questo comando di ImageMagick converte il file in modo che la dimensione massima del lato più lungo
  #sia impostato a 1024 pixel... il lato più corto viene ridimensinato di conseguenza per mantenere le
  #proporzioni dell'immagine
  convert -resize 1024x1024\> "$each" "$file_out"
  #questo comando di ImageMagick serve per creare il watermark con la scritta "andrea.rustichelli.name"
  #nalla parte bassa dell'immagine ridimensionata
  convert "$file_out" -pointsize 35 -fill white -undercolor '#00000080' -gravity South -annotate +0+5 'andrea.rustichelli.name' "$file_out"

  #il file originale viene spostato nella sottocartella chiamata "original_file", mentre il 
  #file di output viene spostato nella nella sottocartella chiamata "thumb"
  mv "$each" ./original_file
  mv "$file_out" ./thumb
 done
echo "Elaborazione terminata!"
exit

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/ridimensionare-rinominare-e-aggiungere-un-watermark-con-uno-script-bash-zh_rrw-sh/

Estrazione dati da vecchi HDD: da SATA a USB

L’opera di recupero dati prosegue… ma considerato che adesso mi sono rimasti solamente dei dischi con interfaccia SATA sia per l’alimentazione sia per i dati, ho deciso di fare un acquisto incauto su Ebay… un adattatore da SATA a USB (doppia USB per garantire una maggiore stabilità) dall’incredibile costo di € 9,90.

Oltre che per questa attività di recupero dati su HDD da 3.5 pollici sarà molto comodo per gestire come unità esterne i miei dischi da 2.5 pollici (ricavati da vecchi pc portatili).

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/estrazione-dati-da-vecchi-hdd-da-sata-a-usb/

Estrazione dati da vecchi HDD: il coltellino svizzero

Coltellino svizzero perchè è un tool con tutti gli standard in un unico strumento, ma in realtà, a differenza del coltellino originale, è uno strumento ben poco compatto e portatile. Ma andiamo con ordine.

Ho voluto riesumare tutti i miei vecchi dischi fissi (o HDD o ancora HD) per vedere se riesco ad estrarre i dati cancellati nel corso delle varie formattazioni usando due strumenti come TestDisk e PhotoRec.

Sul mio vecchio computer fisso, nome in codice Giove, erano presenti 3 dischi fissi di dimensioni decenti, che però oggigiorno sembrano completamente sottodimensionati. Avevo 3 dischi da 3.5 pollici da 10, 120 e 320 GB (potrei anche sbagliarmi di qualche GB, ma la sostanza non cambia). Nel disco da 120 GB era installato il sistema operativo (il disco ha ospitato molteplici sistemi operativi, ma quelli ufficiali sono stati Windows 98 e Windows XP) e in una seconda partizioni i dati. Nel disco da 320 GB c’era una unica partizione con i dati “grossi” (musica, film e file di backup), mentre il disco da 10 GB (denominato Limbo) era utilizzato per stoccare i file in attesa di lavorazione.

Bene ciò premesso ho rispolverato un vecchio dispositivo acquistato alla Fiera dell’Elettronica di Gonzaga che permette di alimentare e di collegare i dischi alla porta USB di un computer per poter accedere ai dati contenuti sul disco come se fosse una qualsiasi unità rimovibile.

L’alimentatore termina con un connettore Molex (per alimentare i dischi più vecchi) ma è presente anche una prolunga che permette di alimentare anche i dischi con il connettore SATA (di più recente introduzione).

Invece il cavo USB da collegare al computer si collega ad un adattatore che presenta due attacchi IDE (o ATA) ma che presenta anche una porta per collegarci un cavo dati SATA nel caso si volesse interfacciare un disco con questo standard.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/estrazione-dati-da-vecchi-hdd-il-coltellino-svizzero/

Arcade stick (a.k.a. joystick) DIY con scatola di Barolo

Su Amazon ho comprato un kit con il joystick, i pulsanti e la basetta USB da collegare al pc (o al raspberry) e l’involucro di plastica per il joystick già preforato. Visto che è arrivato prima il kit rispetto all’involucro di plastica, ho deciso di provare comunque ad assemblare l'”arcade stick” utilizzando una scatola di legno di Barolo da tempo giacente in cantina (ovviamente le bottiglie erano già state bevute).

Il kit “arcade stick” comprende 8 pulsanti di circa 3 cm (4 colorati e 4 neri), 2 pulsanti neri più piccoli, il joystick (con 3 adattatori per “guidare” il movimento su 4, 8 direzioni o libero) la basetta con tutti gli attacchi, il cavo di collegamento usb e tutti i altri cavetti per collegare i tasti e il joystick alla basetta.

E’ bastato utilizzare un trapano avvitatore con le punte a tazza di due diverse dimensioni per praticare i fori necessari al montaggio dei pulsanti e del joystick. I pulsanti sono entrati abbastanza facilmente e la scatola di legno essendo abbastanza sottile ha permesso ai pulsanti di incastrarsi nell’apposito fermo senza nessun problema. Solamente per fissare il joystick è stato necessario praticare quattro piccoli fori con il trapano per permettere l’inserimento delle viti e dei dadi per fissare la struttura del joystick alla scatola di legno.

Per il fissaggio ho usato 4 viti, 8 rondelle (una sopra e una sotto la scatola di legno) e 8 bulloncini (perché su consiglio del Maffo ho utilizzato il primo bullone per fissare il joystick al legno ma senza stringere troppo, poi un secondo bulloncino in modo da fissare e bloccare il primo). In questo modo, pur senza fare troppa pressione sulla struttura di legno, il joystick dovrebbe essere sufficientemente saldo da resistere anche alle sessioni di gioco più intense.

Il risultato è quello che si vede in foto. I pulsanti non sono perfettamente allineati (su internet è possibile trovare delle maschere da utilizzare come riferimento per praticare i fori per i pulsanti e per il joystick). I pulsanti però sono stati disposti per soddisfare egregiamente l’ergonomia della mia mano e delle mie dita.

Una volta inseriti i pulsanti e dopo aver fissato il joystick, li ho collegati alla basetta tramite i cavi di sollegamento presenti nel kit. Ho installato i 4 pulsanti colorati alle porte K1, K2, K3 e K4, i due pulsanti neri grandi li ho collegati alle porte K11 e K12, mentre i due pulsanti più piccoli (uno per inserire i gettoni e uno per il player one) li ho collegati alle porte ST e SE. Comunque, a prescindere dalle porte utilizzate, una volta avviato EmulationStation è possibile configurare i tasti a proprio piacimento.

La qualità dei tasti non è eccelsa… dato il prezzo non mi aspettavo nulla di particolare. I tasti sono bombati (l’ideale sarebbero i pulsanti concavi come quelli delle vere sale giochi degli anni ’80 e ’90) e il tutto risulta molto rumoroso a causa dei microswitch. I pulsanti però hanno un ingombro veramente molto ridotto come si può notare anche dalle foto e il joystick sembra ben strutturato (confermato anche dal peso notevole).

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/arcade-stick-a-k-a-joystick-diy-con-scatola-di-barolo/

Saponi da barba duri

Mi sono fatto un regalo e ho acquistato i saponi da barba duri della Goodfellas’ in due versioni diverse… Furiah e Abysso. Sono saponi da barba artigianali fatti in Italia.

Furiah, al profumo di cuoio su legno, è perfetto per la stagione invernale, mentre il sapone Abysso ha delle note molto più fresche (note agrumate, bergamotto, ananas) ed è quindi perfetto per la stagione estiva.

Per l’utilizzo, basta versare un po’ di acqua sul sapone e lasciare agire, e poi prelevare il sapone con il pennello e poi terminare il montaggio in ciotola.

Permalink link a questo articolo: http://www.andrea.rustichelli.name/saponi-da-barba-duri/